Come Avere successo

Ok, forse ho esagerato: “Come avere successo” ricorda davvero troppo i titoli scritti a lettere cubitali dei libri americani di crescita personale. Ma probabilmente,  se  l’avessi posto in altro modo, non avrei catturato la vostra attenzione (del resto questo è un blog di Marketing, no?).

In questo articolo andremo effettivamente a delineare quelli che sono i tratti della scienza del successo e a vedere come stilare il “business Plan” della nostra vita.

Avere successo dipende prima di tutto da Determinazione e Meritocrazia .

Come avere successo nel lavoroOgni giorno milioni di giovani sognano di avere successo. Quanti di voi non l’hanno mai desiderato?

E’ un’emozione onesta e umana, desiderare di avere successo. Tutti dovrebbero aver la possibilità di avere il proprio momento di gloria e di soddisfazione personale.

Il problema è che quel momento bisogna meritarselo, e troppa gente aspira al successo senza avere un’idea di come ottenerlo e di quali siano le proprie capacità.

E’ sempre la solita storia, per ottenere qualcosa bisogna dare in cambio qualcos’altro del medesimo valore: per avere successo in campo lavorativo serve prima di tutto un lavoro (o una buona idea).

Quale banalità!” penserete.

Si, è una banalità – una di quelle piuttosto grandi – ma spesso, scegliere riguardo al proprio destino lavorativo, è più difficile a dirsi che a farsi.

Quante volte siamo stati presi dall’ansia che la nostra scelta universitaria non sia stata all’altezza dei nostri obiettivi di vita? Che il lavoro che vorremmo svolgere non sia una possibile fonte del successo da noi tanto agognato? che alla nostra età potremmo essere estremamente indietro sui tempi rispetto a tutti coloro da cui prendiamo ispirazione?

Ok, non voglio buttarvi giù di morale, ma saper cosa fare della propria vita è il requisito fondamentale per avere successo.

Se nella vita non sapete dove state andando, allora state certi che nessuno vi seguirà!

Se avete cominciato la lettura di questo post perché non avete idea di cosa fare della vostra vita non abbattetevi, vedremo assieme qual’è il futuro che più fa per voi.

La determinazione e la chiarezza di intenti sono tutto nella vita. Essere determinati non significa semplicemente saper dove si vuole arrivare, ma anche bruciare di un desiderio ardente di riuscir a raggiungere quell’obiettivo.

Con questo post voglio chiarire queste dinamiche e aiutarvi a comprendere quanto sia necessario conoscere per prendere decisioni riguardo al proprio futuro.

La differenziazione e la passione come presupposto per avere successo

Come avere successo e il lavoro dei propri sogniSbaglio o tutti i personaggi di successo che la storia ha avuto si sono differenziati per qualche particolarità o capacità personale?

La risposta è senza dubbio “No, non sbagli dario!” ;-)

Avere successo significa prima di tutto spiccare sugli altri, e per spiccare bisogna avere qualcosa che ci permetta di farlo.

Napoleon Hill nel 1908 iniziò a studiare e ad intervistare centinaia di uomini di successo per definire ciò che li distingueva dal resto della gente comune . Quello che emerse dalle sue ricerche, e che poi raccolse nel suo libro “pensa e arrichisci te stesso“, fu la grande intensità che queste persone impiegavano nel desiderio di raggiungere i propri obbiettivi.

Da notare che gli obiettivi di questi uomini non coincidevano mai con il successo in se, ma con ricerche, aziende e progetti relativi alle proprie passioni.

La cosa più importante da comprendere è che nessuna di queste persone ha mai studiato per ottenere la laurea o lavorato per poter sostenere economicamente la propria famiglia, bensì l’hanno fatto  per l’amore verso le proprie passioni, che hanno saputo trasformare nel loro lavoro.

Nel 2007 lo psicologo K. Anders Ericsson formulò la legge delle 10000 ore, secondo cui chiunque si occupi di un’attività per più di 10000 ore ne diventa un professionista.

Ora, è evidente che se il vostro lavoro coincide con la vostra passione vi dedicherete molto più tempo ad esso, superando le 10000 ore di attività molto prima di chiunque veda il proprio lavoro come un semplice…lavoro.

Il business plan della vostra vita lo potete stilare secondo due possibili opzioni:

La cosidetta “Ricerca di mercato”: se il mercato richiede ingegneri, voi vi laureerete in ingegneria; se il mercato richiede medici, voi studierete medicina, ecc… In questo modo andrete ad occuparvi di professioni che vi garantiranno sempre un lavoro, ma non sempre sarete così fortunati da poter scegliere le vostre passioni come futuro lavoro. In questo caso sarete costretti a vedere a vita il vostro lavoro come fonte di infelicità o comunque come attività priva stimoli e senza ambizioni.

La cosidetta “Ricerca di passione”: In questo caso scommettete tutto su voi stessi, su quello che siete e su quello che desiderate ardentemente diventare. Questa è la via della passione, la via della crescita personale, della meritocrazia e della ricerca del successo come fonte di stimoli e di soddisfazioni. In questo modo dedicherete la vostra vita a qualcosa che vi piace fare e che desidererete  migliorare costantemente. C’è chi non crede che inseguendo le proprie passioni raggiungerà il successo, a queste persone consiglio di lasciar perdere: chi non crede in partenza e chi non desidera sufficientemente non arriverà mai alla meta.

Ovviamente chi nasce fortunato vede coincidere le proprie passioni con le attuali richieste del mercato ;-) Ma se se questo non dovesse avvenire per voi vi invito a non abbattervi, perché non sarà altro che una costante motivazione a fare meglio.

Secondo le ricerche di diversi studiosi, gli uomini raggiungono il successo professionale tramite una delle due possibili strategie seguenti:

La specializzazione professionale: ogni uomo dotato di una profonda passione per una materia d’interesse può studiarla talmente a fondo e specializzarsi in una delle sue mille sfaccettature da fare scoperte che  nessun altro uomo ha mai fatto. Diventare un esperto in una determinata materia o attività è simbolo di successo professionale e porta a un conseguente arricchimento della persona in campo lavorativo rendendosi necessario per la collettività.

L’alleanza di cervelli: secondo la teoria di Napoleon Hill, molti uomini hanno raggiunto il successo senza avere profonde conoscenze o grandi attitudini professionali, ma semplicemente agendo tramite la propria leadership e il proprio carisma. Costoro non sono altro che le figure dei moderni imprenditori che, se dotati di grande fermezza e competenze manageriali possono assicurarsi qualsiasi conoscenza o attitudine tramite l’assunzione di laureati ed esperti di settore che, racchiusi sotto un’unica “alleanza di cervelli” costituiscono un’azienda.

Se volete avere successo, è compito vostro capire quale delle due strategie potrebbe corrispondere maggiormente alle vostre attitudini professionali ;-)

Cosa fare ora per avere successo in futuro.

Come avere successoSpesso il problema sta nel non sapere minimamente che cosa fare della nostra vita: quale corso di laurea intraprendere, quale lavoro cercare, quale sia la nostra passione. Uno dei consigli che mi sento di dare è di smettere di dare ascolto alle richieste del mercato del lavoro per un momento e pensare a ritroso fino ai primi ricordi della vostra vita per individuare quali siano state le vostre maggiori passioni che vi abbiano fatto sentire competitivi.
Per avere successo dovete sentirvi sicuri in ciò che fate, solo l’esperienza può darvi la sicurezza.

Come impiegavate il tempo a 12/14/16 anni, quando ancora nessuno vi diceva cosa dovevate fare?  Dalla risposta a questa domanda potrete estrapolare qualche dettaglio chiave o qualche vostra particolarità che vi renda unici e che vi chiarisca per cosa siete portati.
Spesso a quell’età ci si sente diversi da chiunque altro per qualche lato nascosto del nostro carattere o per qualche passione in particolare, è importante che analizziate i vostri ricordi.

Il nostro successo personale deriva dal contributo che diamo alla società e al pianeta, non dalla competzione che instauriamo con il resto della collettività: è con il contributo che creiamo e distribuiamo valore.

Spesso un altro problema che ci assilla è l’enorme mole di interessi che prendono parte alla nostra vita, distribuendo la nostra attenzione su più attività invece che mantenerla concentrata su un unico obiettivo. Vedremo ora come questo possa essere per noi un vantaggio significativo.

La chiave per avere successo e per condurre una vita lavorativa stimolante è quella di apportare il nostro contributo alla società e creare valore per il resto della collettività, in modo da divenire esperti nazionali o mondiali del nostro campo lavorativo.

Comunque sia, diventare un esperto mondiale richiede un sacco di lavoro, studio, fatica e dedizione. Non importa quanto sei intelligente, ti servirà comunque molto tempo e rischierai di raggiungere il successo solo nell’ultimo periodo della tua vita.

Se si ha molteplici passioni o compenze si è enormente vantaggiati: se sei appassionato di programmazione e di marketing non cercare di diventare il miglior programmatore e il miglior esperto marketing, piuttosto divieni un buon esperto marketing che sa programmare.

E’ incredibile come la combinazione di più competenze ci renda figure professionali uniche e necessarie senza dover divenire esperti e specializzati in unico settore.

Quindi combinate le vostre due migliori attitudini affinché assieme formino un intreccio di competenze professionali di valore. Questo vi renderà estremamente più interessanti agli occhi del mercato del lavoro e aumenterà le vostre possibilità di avere successo.

La parola a voi.

Adesso la parola la lascio a voi.

Aspetto le vostre considerazioni e il resoconto delle vostre esperienze nei commenti ;-)

Se siete interessati a migliorare la vostra crescita personale vi consiglio di iscrivervi anche alla Newsletter del blog!

 

PS: Sei un imprenditore digitale o aspirante tale?

Nel 2015 ho creato un gruppo segreto di esperti di digital Marketing. Oggi Marketers è il più grande gruppo d’Italia di Imprenditori Digitali. Stiamo approvando nuovi membri!

Scopri i nostri segreti, le nostre strategie e le nostre tecniche per lanciare il tuo business online. Siamo in più di 19.000 membri ed è 100% gratuito! Fai click qui per iscriviti!

  • CB82

    un articolo davvero interessante, grazie!! :-)

  • Complimenti, mi hai letto nel pensiero.
    Ottimo articolo.

    • Ti ringrazio Mauro, è così bello il fatto che siamo in tanti a vederla in questo modo ;-)

  • Fabio Faccin

    Interessante articolo, ma al giorno d’oggi forse si cercano più persone specializzate in un particolare ambito, piuttosto che persone brave ma non espertissime di 2 differenti discipline

  • fabrizio

    Bell’articolo complimenti. Ho fatto della mia passione per l’informatica il mio lavoro, diventando un esperto progettista software con 15 anni di esperienza, un CV che mi permette d iessere “corteggiato” da molte aziende. Il problema è che il mio mestiere ha tradito in pieno le mie aspettative, quella che era la mia passione ora è solo quello che mi fa mantenere ma mi rende infelice. Sono un creativo e mi sento annientato dalla poca creatività che richiede quello che faccio. Non è facile cambiare settore e il passaggio sarà graduale, ma non sopporto l’attuale situazione non mi riconosco in quello che faccio e farò di tutto per poter raggiungere questo mio obiettivo.

  • Valeria CaTe

    Ciao Dario,

    mi sa strano che tu abbia un anno in più di me e tu stia già facendo ciò che ti piace.
    Io non so ancora da che parte girarmi. Il tuo articolo non mi ha aperto gli occhi ma mi ha fatto riflettere. Perciò grazie :)

  • Fabrizio Giaccon

    Ciao Dario,
    problema… e se uno si scopre senza passioni?
    A 20 anni é facile, ma a 46 il mondo cambia e le tue prospettive sono starvolte dalla famiglia, dai figli.. tutte cose che per fortuna non ti riguardano ancora!! ;-)
    Dici che per me é troppo tardi? :-)))

  • Gianluca

    ARTICOLO BOMBA ! (davvero complimentoni DARIO)

    Ma se mi scoprissi appassionato sia di Marketing che di Arte visiva ( video di pubblicità, film, fotografia, … ) ? Quale “combinazione” professionale può esistere per fare vivere entrambi queste passioni ? :)

  • Elena Padovese

    Ho 2 passioni e una terza che mi sono ricordata pensando al periodo 12-16…Mi mancava come riflessione :) Il difficile è come fonderle..spesso il tempo è poco solo per concentrarmi su 2 :)

  • Larine Lins

    Ottimo articolo! Me ha fatto aprire gli occhi a quello chi voglio diventare.

  • Elena Padovese

    E’ un peccato vedere che nessuno abbia commentato questo articolo. Sarà anche breve ma fa riflettere :) Penso che tutti noi abbiamo più interessi e passioni, solo che forse non tutte sono collegabili.

    O meglio: richiede una certa fantasia riuscire a utilizzarle nello stesso contesto senza perdere di significato e valore.

    Ad esempio: io sono musicista da più di 10 anni, ma anche filmaker da 5 (dopo aver studiato comunicazione all’università) e grazie a questo blog e marketers sono sempre più interessata al mondo web e ai blog.
    Voi come unireste queste passioni in maniera originale?

    • Francesca

      Ciao Elena, ti capisco benissimo. Nel mio caso sono appassionata di fitness,boxe e pole dance ,ho sempre lavorarto nel negozio di fiori e allestimenti matrimoniali di mia madre, sono laureata e adoro il marketing, adoro leggere e scrivere, viaggiare e il web marketing in tutte le sue sfaccettature.
      Nel tuo caso mi viene in mente : fare dei tutorial emozionali con te e il tuo gruppo che suonate, scrivere delle impressioni artistiche rigardo i filmati creando un blog di musica,specializzandosi nei filmati emozionali e tecnici tipo tutorial per rendere visibili sul web tutti gli altri musicisti e dargli così opportunità di business. Mi è venuto in mente così :)
      ciao e buona giornata!

  • Massimo Meli

    Ciao, ho letto solo adesso tutto ciò. Io sono uno studente di economia con molteplici passioni. Specialmente che vanno dall’informatica (e quindi dall’ interesse per i videogames, assemblaggio dei vari pezzi di computer che secondo me non ha pari, alla programmazione) fino all’economia che ultimamente sto avendo diverse insicurezze riguardo il mio futuro incerto. Ero partito con l’intenzione di specializzarmi in finanza con la magistrale una volta conclusa la triennale ma non sono sicuro che sia questo che mi piaccia fare nella vita. Ho molta attitudine verso l’informatica ma non so bene di preciso e credo di non essere all’altezza di ingentneria informatica. Ora sono al 3^ anno di economia ed ero arrivato al punto di lasciare la facoltà per ingegneria. Però ripensandoci forse quello che intendo io come lavoro da informatico è solo un sogno non attualizzabile perché magari non si arriva con facilità a lavorare nel settore informatico come ad esempio come quelli che lavorano per la Intel e fanno i processori o schede grafiche come la asus e la msi. Ma non per forza in queste imprese leader, tanto per far intendere. Forse è un qualcosa di irraggiungibile. Leggendo da te che magari avendo più passioni è giusto unificarle e quindi cercare di fare entrambe le cose mi da sollievo perché potrei completare economia e inserire qualcosa di informatica nelle mie competenze però lo stesso non arriverei ai livelli di ciocche voglio fare io. Cioè quello che sto descrivendo io è entrare nelle società videoludiche o quasi. Fare processori e assemblare computer e il massimo lavorare per le società che le fabbricano o le progettano. Ma vorrei che tutto ciò centrasse con l’economia e riuscire a conciliare queste due. Dato che non sono cose così diverse. Quando ancora andavo a scuola volevo fare ingegneria informatica, poi non credendo in me stesso e vedendo che ero un po’ nulla facente ho intrapreso economia pensando di fare una vita più semplice (anche perché mi ero appassionato anche a economia, settore finanziario). Ma poi ho pensato che per il proprio futuro non bisogna pensare scegliendo la via più facile. Se si tratta del nostro futuro non bisogna scegliere in base alla via più semplice e meno ripida. E me ne sono accorto troppo tardi. Ma non è ancora tanto tardi. Sono uno studente di economia del terzo anno e ho quasi 22 anni.

  • Samantha

    Sono intrappolata in ufficio, nell’azienda di famiglia, loro fanno un favore a me tenendomi e io faccio un favore a loro: qualche volta una buona idea li ha aiutati ad avanzare.
    Ma non è il lavoro dei miei sogni, sono laureata in scienze internazionali e diplomatiche, amo leggere e scrivere e nei miei sogni nascosti c’è quello di aprire una grande, bella e particolare libreria, magari con un bel panorama dove seduto su una bella poltrona sorseggi una tisana e leggi un libro, dove vengono allestiti eventi letterari e incontri, per adulti e per bambini. magari allegare un bel blog di lettura, di consigli, di vita quotidiana, sono da poco diventata mamma e ho sempre desiderato lavorare in proprio per potermi dedicare anche alla crescita del mio bambino senza dipendere da ore imposte.
    ok, bellissimo Sami, ora richiudi il cassetto e torna alla tua scrivania, chi te li da i soldi per iniziare una nuova attività, chi ti finanzia l’acquisto dell’immobile, dei libri, dell’arredamento….
    e così scoraggiata non mi sono mai mossa, non ho mai cercato la bella location dei miei sogni ne mi sono mai informata so cosa, come e chi dovrei cercare per iniziare.
    che dire, spesso la buona volontà, una passione e un’idea non bastano

Share This