social media personal branding business

Detto da uno che ne fa largo uso sembrerebbe ipocrita come affermazione e, difatti, il titolo era volutamente provocativo. Allo stesso tempo devo confessarvi che c’è del vero in queste parole, non credete?

Con la nascita dei social media, di twitter in particolar modo, ci siamo trovati a fronteggiare un’evoluzione nell’ambito della divulgazione dell’informazione e del blogging: sempre meno blog, sempre più account twitter, e quindi sempre meno contenuti di qualità in favore della velocità a cui viaggia la microinformazione.

Per quanto sia vero che la microinformazione sia oramai alla base del sistema comunicativo di internet, rimango dell’idea che alle fondamenta di questo sistema vi siano ancora i contenuti di qualità.

Per essere chiari possiamo distinguere gli utenti del web in due categorie: i creatori di contenuti, ossia coloro che alimentano sul web il fuoco ardente delle passioni e delle notizie di qualità, e i distributori – che, come in una vera azienda,  riescono a trarre i loro profitti dalla semplice condivisione dei contenuti altrui.

Sono il primo ad essere consapevole che oggi basta un account twitter, qualche strumento di analisi e un sistema di condivisione automatica dei contenuti per far schizzare alle stelle la nostra audience sui social media. Ma questo non ci da il diritto di presentarci, nella nostra headline di twitter, come esperti di personal branding.

Tutto ciò che è social è nato dalla condivisione, e la condivisione ha come oggetto principale i contenuti: non vi sarebbe microinformazione senza un’informazione primaria.

Credo ancora nella meritocrazia, e trovo che un blog ben strutturato, con contenuti di qualità, sia un sinonimo di competenza – molto di più di quanto lo siano 100.000 followers su twitter.

Il content marketing, e gli stessi contenuti, sono gli strumenti di lavoro che stanno alla base del personal branding: è inutile fare personal branding se non abbiamo un prodotto da pubblicizzare e, in primo luogo, quel prodotto sono le nostre competenze personali.

Per questo mi sento di lasciare un consiglio a tutti: se pensate di avere buone competenze, e volete fare personal branding di voi stessi, aprite un blog.

Scrivete di voi stessi, delle vostre esperienze, delle vostre conoscenze. Fregatevene di dare titoli commerciali ai vostri post per renderli più visibili ai motori di ricerca, state parlando di voi. Lasciate che il vostro blog vi racconti, che i vostri lettori si sentano vicini alla vostra persona: uno dei punti di forza dei blog personali è, appunto, di essere personali.

Smettete di vivere in ansia vedendo il blog come un impegno,  smettete di cercare di stare al passo di altri blog o magazine che pubblicano numerosi articoli al giorno. Allora, forse, riuscirete  a essere costanti nel vostro impegno, e non rischierete di abbandonare il vostro blog, come molti altri hanno già fatto.

Il blog è uno strumento personale e, per questo – in termini di personal branding – deve essere utilizzato per condividere le proprie competenze ed esperienze, in modo da instaurare un rapporto con i propri lettori, creare una community attorno ai propri interessi e ampliare il proprio network di possibili clienti.

Voi cosa ne pensate? siete ancora tradizionalisti come me, o credete che nel futuro viaggeremo solo sull’onda della microinformazione? Mi piacerebbe sapere la vostra opinione.

PS: Sei un imprenditore digitale o aspirante tale?

Nel 2015 ho creato un gruppo segreto di esperti di digital Marketing. Oggi Marketers è il più grande gruppo d’Italia di Imprenditori Digitali. Stiamo approvando nuovi membri!

Scopri i nostri segreti, le nostre strategie e le nostre tecniche per lanciare il tuo business online. Siamo in più di 19.000 membri ed è 100% gratuito! Fai click qui per iscriviti!

Share This