qual è il miglior hosting wordpress

In questo articolo scoprirai come sia possibile migliorare il posizionamento del tuo blog o sito web nei motori di ricerca, triplicare il suo numero di visitatori e ridurre la velocità di caricamento del tuo sito del 200%.

Molti di noi infatti, presi dalla foga di aprire un blog o un sito con WordPress, sottovalutano la scelta dell’hosting e scelgono l’hosting WordPress più popolare della rete.

Questo è lo sbaglio che ho fatto anche io all’inizio e ti assicuro che non è assolutamente la scelta più saggia da fare.

Mettiti quindi comodo e lascia che ti spieghi quali siano gli incredibili benefici che ho ottenuto scegliendo il miglior hosting WordPress (e presto ti rivelerò quale sia).

Non preoccuparti se non sai ancora che cosa sia un hosting e perché averne uno performante sarà la chiave per il successo del tuo blog. Nel corso di questo articolo ti spiegherò tutto in maniera estremamente semplice.

Sei pronto? Si comincia!

Scegliere il Miglior Hosting WordPress: gli straordinari effetti collaterali

Creai il primo blog a 13 anni con Blogger, poi passai a wordpress.com. Solo dopo alcuni anni compresi quanto fosse importante avere un blog autonomo, lontano dai limiti di wordpress.com e scegliere un hosting per WordPress dedicato.

Purtroppo, quando non si sa bene quali siano le migliori soluzioni professionali si tende sempre a sbagliare, così per diverse volte ho finito per scegliere l’hosting WordPress sbagliato.

Tu sei incredibilmente fortunato, potrai fare tesoro dei miei errori e optare fin da subito per la miglior soluzione.

Del resto stai leggendo l’articolo di una persona che Aruba, Netsons, Hostgator, Dreamhost, Tophost, Bluehost, Synthesis, ecc… li ha provati quasi tutti.

Ma prima di tutto, che cosa sono hosting WordPress e dominio?

Detta molto semplicemente:

  • il dominio è l’indirizzo del sito (www.nomesito.com)
  • l’host è lo spazio web e il motore che ci permetterà di installare WordPress e farlo funzionare a meraviglia.

Ci tengo a precisare che non siamo qua a scegliere il miglior hosting WordPress al mondo: esistono servizi di hosting che costano più di 100 euro al mese e offrono prestazioni adatte a siti di multinazionali con centinaia di migliaia di visitatori al mese.

Ci stiamo invece preoccupando di identificare la miglior soluzione tra tutti i servizi di hosting sul mercato adatti a grossi blog o super-siti italiani, nulla che abbia a che vedere con siti in lingua inglese che generano milioni di visitatori.

La soluzione che sceglieremo sarà adatta sia ad un piccolo blog sia ad un sito con più di 100.000 visitatori unici mensili.

Quindi poniamoci subito un limite: 50/70 euro all’anno è la spesa massima che saremo disposti a spendere per il miglior hosting WordPress.

Te lo assicuro, 50 euro sono davvero pochi per gli standard di qualità che ti sto per offrire. Sono ancora meno se comparati alle altre soluzioni che il mercato degli hosting WordPress offre per lo stesso prezzo.

miglior hosting

Bluehost lento: prima del grandioso cambiamento

Prima di passare alla mia attuale soluzione ero un cliente di Bluehost, direi una delle più famose compagnie al mondo di Hosting WordPress. Mi ero fatto persuadere dalla grande quantità di pubblicità riguardo a Bluehost.

L’azienda viene presentata da moltissimi utenti del web e da WordPress stesso come una delle migliori soluzioni del mercato hosting.

Ok Dario, come mai ti lamenti se tutti sostengono che Bluehost è il miglior hosting?

Semplice: quando utilizzavo il loro hosting, per quanto mi impegnassi a fare SEO e velocizzare dariovignali.net, la sua velocità rimaneva vergognosa e l’indicizzazione nei motori di ricerca non cambiava di una virgola.

Questo si traduceva in un solo e unico risultato: un minor numero di visitatori provenienti dai motori di ricerca e un maggior numero di utenti che scappavano per la lentezza del mio blog.

Allora mi spieghi perché così tante persone elogiano Bluehost o le altre soluzioni citate?

Per 2 semplici motivi:

  • Molti utenti della rete pubblicizzano questi hosting WordPress perché vengono pagati con commissioni molto alte per ogni nuova persona che riescono a far iscrivere. Bluehost paga più di tutti, quindi Bluehost conviene.
  • Gran parte della gente è ingenua e non tutti conoscono bene le dinamiche che determinano la qualità degli hosting. Per questo potrebbero continuare a fare SEO, pubblicare articoli, velocizzare il proprio blog senza risultati e senza rendersi conto che la colpa risiede proprio nel proprio host.

Ho iniziato ad avere dubbi su Bluehost, Hostgator, Aruba, Tophost e hosting simili nel momento in cui, per conto di alcuni clienti, ho iniziato a fare delle analisi sui loro siti con Google Speed Developers.

Dalle analisi dello strumento di Google risultava che la colpa delle basse prestazioni di questi siti era totalmente dovuta a una risposta lenta del server di questi servizi di hosting WordPress.

Ma allora, cosa si può fare per velocizzare un host lento? Semplice, cambiarlo!

A Giugno 2013 ho conosciuto Gianni, uno dei più grandi esperti SEO d’Italia, al servizio di aziende multinazionali come HTC.

Se già non lo sai, la SEO consiste nell’applicare alcune strategie mirate per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca del proprio blog o del proprio sito web.

Ebbene, Gianni mi ha spiegato che la scelta di un ottimo hosting WordPress può influire sulla SEO e sulle prestazioni del nostro sito più di quanto si possa immaginare.

siteground hosting wordpress

Ti rivelo l’hosting WordPress che mi ha permesso di triplicare il numero di visitatori del mio blog e di raddoppiare la sua velocità

Prima di continuare, che ne dici di ripagare i miei sforzi nello scrivere questa lunga guida (correlata di video) con un semplice Tweet? Farai felice me e pure i tuoi followers!

Ti ringrazio di cuore! :-)

Ovviamente non ho potuto non chiedere a Gianni quale fosse  – a suo parere – il miglior hosting WordPress. Ed è così che per la prima volta sono venuto a conoscenza di Siteground. Inutile dire che da quel momento Siteground è divenuto il miglior amico del mio blog.

Decisi quindi di spostare il mio blog su Siteground. La cosa fantastica è che per farlo non ho dovuto praticamente nemmeno muovere un dito. Mi sono semplicemente iscritto e al resto ci ha pensato lo staff di Siteground: hanno prelevato il mio blog da Bluehost e lo hanno spostato sui loro server.

L’azienda offre infatti a tutti il trasferimento automatico e gratuito del proprio sito da wordpress.com o da un altro hosting al loro!

Incredibile, no?

La mattina seguente, quando mi sono svegliato e il trasferimento di dariovignali.net era stato completato, il mio blog schizzava ad una velocità paurosa!

+200% di velocità con il nuovo hosting WordPress

Quando quella mattina ho controllato la velocità del mio sito, non potevo credere ai miei occhi.

Ti lascio confrontare la velocità del mio vecchio sito TheLabItaly.com con quella del mio blog. Oggi il sito TheLabItaly non esiste più ma, al momento in cui ho pubblicato questo post per la prima volta, girava su Bluehost.

Ecco i risultati del test di velocità sui due diversi siti:

velocità hosting dariovignali velocità sito con bluehosting

Ok, i risultati sono da paura.

  • dariovignali.net impiega meno di un secondo a caricarsi ed è più veloce del 90% di tutte le decine di migliaia di siti testati sino ad oggi.
  • TheLabItaly impiega 8 volte di più a caricarsi ed è più lento dell’85% di tutti i siti mai testati. Praticamente l’opposto!

Tutto questo senza tener conto che dariovignali.net è quasi il doppio più pesante e presenta il doppio delle richieste a collegamenti esterni!

Anche Francesco Michelini, designer e sviluppatore WordPress Italiano, ha potuto constatare come i risultati di Siteground superino nettamente quelli di Register.it:

Recensione miglior hosting Siteground di Francesco Michelini

Ora però voglio raccontarti cosa accade ad avere un hosting lento e poco performante.

velocità hosting wordpress e bounce rate

Il grafico che vedi qui sopra descrive la relazione esistente tra il comportamento dei visitatori e il tempo di caricamento di un blog o sito web.

Oltre i 6 secondi di caricamento quasi il 40% dei visitatori tende ad abbandonare il nostro sito e a non tornare mai più! Dopo solo 4 secondi, abbiamo perso circa il 25% del nostro traffico.

Ogni anno queste statistiche divengono sempre più drammatiche: la velocità media del web aumenta e parallelamente diminuisce la pazienza dei propri visitatori.

Capisci bene quindi che non sto assolutamente scherzando nel momento in cui ti dico che il tempo di caricamento del tuo sito web deve necessariamente essere inferiore ai 2 secondi.

Puoi controllare i valori di velocità del tuo blog o del tuo sito web con l’utilizzo di questo fantastico tool.

Un’altra cosa estremamente importante da conoscere è che Google tende a penalizzare i blog o i siti web che presentano lunghi tempi di caricamento. Se il tuo sito web impiega più di due secondi a caricarsi non arriverai mai a occupare le prime posizione nei risultati di ricerca di Google.

Non ne sei convinto?

Vediamo il traffico di visitatori sul mio blog dopo che sono passato a Siteground:

SEO siteground hosting vs bluehost hosting wordpress graph

Ok, direi che il grafico di Google Analytics rappresenta più che bene gli incredibili vantaggi che ho ottenuto.

Dopo pochi giorni Google ha infatti notato un sostanziale incremento delle performance del mio blog e ha drammaticamente migliorato il posizionamento dei miei post nelle sue pagine di ricerca (dette SERP).

Ecco a cosa serve avere un hosting migliore!

Passare da un hosting mediocre a un hosting estremamente perfonrmante mi ha portato a raggiungere risultati incredibili: ho triplicato il numero dei miei visitatori e tutto questo ha determinato una crescita costante delle vendite, degli iscritti alla mia newsletter e del mio personal brand.

Recensione Siteground: perché scegliere uno degli hosting WordPress più veloci al mondo

Ok, lo ammetto: questo titolo non è altro che una domanda retorica, ma vediamo assieme tutte le potenzialità di questo Hosting wordpress.

Innanzitutto ci tengo a precisare che sono passato da Bluehost a Siteground in sole 24h senza spendere assolutamente niente e senza dover predisporre di alcuna conoscenza in termini di programmazione, hosting WordPress e quant’altro.

Come? Molto semplice:

  • Bluehost permette la cancellazione del servizio di hosting in qualsiasi momento (entro 30 giorni puoi ottenere un rimborso completo dei soldi spesi)
  • Siteground permette il trasferimento automatico e gratuito da un altro hosting WordPress al loro hosting WordPress.
  • Quindi ho comprato l’hosting di Siteground, ho richiesto il trasferimento automatico del mio blog e poi, una volta completato, ho chiesto la cancellazione del mio servizio Bluehost.

Con questa semplice azione quindi sono andato  ad ottenere il miglior risultato che potessi ottenere: ho letteralmente triplicato le prestazioni del mio blog senza avere (quasi) mosso un dito.

Ok, vediamo invece quali sono stati i miglioramenti che ho potuto osservare una volta completato il trasferimento del mio blog.

1. Supercache: il tuo blog WordPress non sarà mai stato così veloce!

Siteground Supercacher: rendere più veloce il proprio hosting wordpress

Fino ad ora ti ho spiegato quanto sia veloce Siteground ma non ti ho ancora spiegato come questo sia possibile.

Il tutto si basa su Supercacher, una funzione di questo hosting che fa sì che ogniqualvolta un browser richieda il caricamento del tuo sito o del tuo blog, il server presenti una pagina HTML statica, salvata nelle proprie cache, senza dover ricaricare script e codice php ad ogni occasione.

In questo modo, sebbene il tuo sito possa avere un enorme quantitativo di visite o richieste, la sua velocità di caricamento rimarrà inalterata e incredibilmente efficiente.

Se conosci il plugin W3TOTAL CACHE,  sappi che Supercacher è ancora più efficiente, almeno del 200%.

Ma non è finita qua, infatti potrai integrare W3TOTAL CACHE con Supercache per ottenere risultati incredibili e raggiungere un tempo di caricamento inferiore al secondo! (Risultati che vanno al di sopra di ogni standard del web).

2. Grande sicurezza per il tuo hosting WordPress

controllo di sicurezza del proprio hosting

Il team di Siteground ha sviluppato un software per la sicurezza che si occupa di controllare costantemente il tuo sito web, assicurandosi che non vi siano attacchi da parte di hacker o bug di sistema.

Potrebbe forse sembrarti inutile, ma se mai dovessi perdere anni e anni di lavoro a causa della cattiveria di qualche malintenzionato son sicuro che cambieresti idea.

Scommetti? ;-)

3. Grandioso supporto, 24 ore su 24, 7 giorni su 7. E in italiano!

Potresti pensare che non sia poi così importante, ma sono proprio questi dettagli che definiscono la qualità di un hosting. Ti assicuro che quella di Siteground non è una semplice assistenza.

Diverse volte mi è capitato di chiedere aiuto, pareri e consigli al loro team di supporto per ogni genere di domande o problemi.

Se oggi reputo Siteground il miglior hosting WordPress è anche perché il suo team mi ha aiutato a comprendere le mie esigenze, settare plugin e impostare Supercacher nel migliore dei modi.

Ogniqualvolta ho avuto un problema e mi sono rivolto all’assistenza mi hanno risposto dopo minuti o addirittura dopo pochi secondi! Davvero incredibile per chi viene da altre realtà di hosting WordPress.

E se l’inglese non è il tuo forte, ho anche un’ottima notizia per te.

Da diverso tempo, infatti, Siteground ha sviluppato l’assistenza clienti anche in italiano. Potrai quindi accedere alla live chat oppure chiamare l’assistenza al telefono per ricevere tutto il supporto di cui hai bisogno, senza più dover ricorrere all’inglese.

Direi che è senza dubbio un motivo in più per passare a Siteground.

4. Scegli tu la localizzazione dell’hosting WordPress.

miglior posizione per un hosting wordpress

C’è una manciata di webmaster che continua a preferire hosting italiani (sebbene abbiano performance peggiori) credendo che – per ottenere performance maggiori – il server debba essere vicino allo stato dal quale provengono i visitatori del proprio sito.

È assolutamente vero, ma la cosa grandiosa è che Siteground permette di hostare il proprio sito web su server europei. In questo modo, il tuo sito, essendo più vicino ai tuoi utenti Italiani, sarà ancora più veloce!

Senza tenere conto che Siteground permette l’integrazione per default con Cloudflare in modo tale da fornirti una CDN capace di cachare i tuoi contenuti da qualsiasi punto del mondo li si visiti, senza subire rallentamenti!

5. Dominio gratuito e refund entro un mese dall’acquisto

Poco fa ti ho spiegato cosa sia un dominio. Beh, acquistando un hosting WordPress con Siteground, il dominio ti viene regalato! In media sono 20 euro risparmiati.

Non è poco, o sbaglio?

Inoltre, se non sei contento del tuo acquisto o non hai tempo da dedicare al tuo progetto, puoi richiedere il rimborso totale dell’hosting WordPress entro un mese dal suo acquisto.

6. Miglior Hosting per WordPress

Che WordPress sia il CMS (Content Management System) più utilizzato al mondo non è una novità, basti pensare che viene utilizzato da siti di portata internazionale come CNN, TED e Time.

Tutti i più grandi blogger e webmaster al mondo adottano WordPress per la sua flessibilità e per la sua capacità di rispecchiare le necessità e le funzionalità di qualsiasi progetto web.

Siteground ha dei server ottimizzati per l’utilizzo di WordPress e joomla: in questo modo riesce ad offrire massime prestazioni a chi utilizza uno di questi due CMS.

Il fatto che Siteground sia uno dei miglior hosting per wordpress è fortemente dovuto alle sue tecnologie hardware studiate appositamente per funzionare al meglio con questo CMS

7. Control Panel semplicissimo

L’azienda offre uno dei Control Panel più semplici del mercato per la gestione dei propri siti web. Inoltre, potrai installare WordPress senza dover possedere alcuna esperienza particolare. Questa è la comodità di avere un Hosting WordPress preinstallato.

Non sto scherzando. Creare un sito web o un blog WordPress hostato su Siteground è davvero alla portata di chiunque.

Ho anche preparato una seconda semplice guida, munita di video tutorial, per acquistare Siteground e installare Wordpress in soli 5 minuti.

installare wordpress

Il mio rating Siteground come miglior hosting: 4.5

domande e risposte riguardo agli hosting wordpress

 

 

Per aiutarti maggiormente nella scelta del tuo hosting, qua di seguito potrai trovare la risposta alle domande che mi vengono poste più frequentemente.

Se hai una domanda che non figura in questa lista, lascia un commento alla fine di questo articolo :-)

FAQ – Domande e risposte

  1. Siteground è disponibile in Italiano? E il suo supporto?
    Sì, come già accennato Siteground offre l’assistenza ai clienti in Italiano.
    Accedendo alla live chat potrai scegliere la sezione che ti interessa (richieste di acquisto servizi, assistenza tecnica o assistenza fatturazione) o in alternativa chiamare al numero italiano indicato.
    In pochi minuti (spesso secondi) riceverai risposta e assistenza in italiano per il tuo problema.
  2. È possibile trasferire un blog wordpress.com su Siteground?
    Certo che sì, al termine di questo post troverai un video tutorial per farlo.
  3. Ho già un sito WordPress realizzato con WordPress(.org), posso trasferirlo?
    Certamente! Il trasferimento può essere anche affidato allo staff di Siteground che se ne occuperà gratuitamente per conto tuo. Ad ogni modo, al termine di questo post, troverai un video tutorial esemplificativo per trasferire il tuo sito in totale autonomia.
  4. Ok, sono convinto che Siteground sia il miglior hosting WordPress. Ma quale dei tre pacchetti offerti mi consigli di scegliere?
    Se è il tuo primo blog o sito ti consiglio il piano più economico (StartUp), se invece hai un blog o sito che genera più di 25.000 pageviews mensili, allora GrowBig potrebbe fare per te. Se invece vuoi il massimo e hai più di 100.000 visitatori unici mensili, vai con GoGeek.
    Potrai comunque cambiare piano e fare un upgrade in ogni momento.
  5. Credi che Siteground possa essere il miglior hosting per Joomla, Drupal, Prestashop ecc?
    Assolutamente sì. Siteground permette l’installazione oneclick di molti dei più famosi CMS ed inizialmente è nato come host per Joomla. Le prestazioni sono indiscutibili.
  6. Siteground vs i miglior hosting italiani?
    Siteground, senza ombra di dubbio.
  7. Con quali altri servizi di hosting hai comparato Siteground per poterlo definire migliore?
    Bluehost, Tophost, Hostgator, Dreamhost… quasi tutti tra i più famosi.
  8. È meglio usare Siteground Supercacher, Page mod speed di Google o W3 total cache per velocizzare il sito?
    Io consiglio Supercacher unito a W3 total cache come ho spiegato in questo post per velocizzare WordPress.
  9. Con Siteground posso creare le mail personalizzate?
    Certo che sì, altrimenti non sarebbe uno dei migliori hosting del mercato ;-)

Ah, una piccola chicca. Dalla prima stesura di questo articolo, Siteground si è migliorato ancora di più.

Dai un’occhiata ai nuovi risultati del mio blog:

hosting veloce e performante

Il mio blog impiega ora mezzo secondo a caricarsi ed è più veloce del 97% dei siti testati (che sono milioni).

Un fantastico risultato, non trovi?

Come se non bastasse, per Natale mi hanno fatto trovare una letterina con un fantastico pigiama sotto l’albero.

No, non sto scherzando, la foto lo dimostra!

Quale altro servizio di hosting WordPress farebbe una cosa simile? :-D

A Natale mi regalo il miglior hosting

Dimenticavo un’ultima cosa.

Qualche tempo fa ho scritto su Facebook chiedendo ai lettori che sono passati a Siteground di farne una breve recensione.

Trovi il post in questione sul gruppo privato dedicato al mio blog, ma nel frattempo ne posto alcune nello screenshot sottostante:

Recensione degli utenti Sitegriound

Fino ad ora ho raccolto più di 21 commenti, tutti positivi :-)

Ti linko nuovamente le altre risorse che ho preparato per te.

So bene quanto possa sembrare complicato cambiare hosting o trasferire il proprio blog o hosting WordPress. Ed è proprio questo il motivo che mi ha spinto a creare una guida semplice ma dettagliata.

Seguendo i diversi passi descritti  al suo interno imparerai come acquistare ed iniziare ad utilizzare Siteground  nel modo più semplice e veloce possibile.

Imparerai anche come installare WordPress con un solo click.

installare wordpress

Se preferisci una guida visiva, dai allora un’occhiata ai tre ottimi video tutorial che ho creato e dove ti insegnerò a trasferire il tuo sito da wordpress.com, come acquistare Siteground, installare WordPress e infine come cambiare hosting mantenendo il tuo dominio.

Eccoteli qua:

1°  Video Tutorial – Acquistare Siteground, il miglior hosting e installare WordPress

Questa video guida fa per te se vuoi creare un nuovo blog o sito web. Nel video ti mostro i passi necessari per acquistare il tuo hosting Siteground e installare WordPress.

2° Video Tutorial – Passare da wordpress.com a wordpress.org self-hosted

Anche io ero un utente wordpress.com. Oggi mi mangio le dita per non aver fatto prima il trasferimento.
Cosa mi bloccava? La paura di non riuscire o fare qualche pasticcio. Con questa guida è praticamente impossibile sbagliare!

Nel video ti mostrerò il procedimento necessario per spostare il tuo blog wordpress.com su Siteground.

3° Video Tutorial – Cambiare hosting mantenendo il dominio

In questa guida ti do tutte le informazioni necessarie per spostare il tuo blog o sito wordpress dal tuo vecchio Hosting a Siteground.

Pronto a una ventata di novità?

Buon lavoro.

Un abbraccio,

Dario.

condividi il post su google plus

PS: Sei un imprenditore digitale o aspirante tale?

Nel 2015 ho creato un gruppo segreto di esperti di digital Marketing. Oggi Marketers è il più grande gruppo d’Italia di Imprenditori Digitali. Stiamo approvando nuovi membri!

Scopri i nostri segreti, le nostre strategie e le nostre tecniche per lanciare il tuo business online. Siamo in più di 19.000 membri ed è 100% gratuito! Fai click qui per iscriviti!

  • Chiara – Ideekiare

    Interessante… io che però sono su Blogger, prima dovrei fare il passaggio a WordPress, e questo mi pare di capire non sia proprio una passeggiata. Comunque terrò buone le informazioni lette in questo articolo per il futuro! Grazie! :)

    • Ciao Chiara!

      Ti dico, fossi in te passerei il prima possibile in WordPress. Blogger non è assolutamente paragonabile ad un self-hosted blog ;-)

      Un saluto e buone feste!

  • Marco

    Molto interessante la tua esperienza, ma hosting su amazon o google come si confrontano? Vorrei anche capire perchè non rimani su blogger, visto che dovrebbe supportare tutto quello che fai?

    • Ciao Marco! Cosa intendi come si confrontano su Amazon e Google?

      Blogger è una piattaforma limitata e gratuita che tra l’altro non monta il CMS WordPress. Non hai la possibilità di installarci plugin, template avanzati e altre strutture di codice.

      Inoltre, affidandoti a blogger, è come se tu stessi lavorando per blogger. Se mai blogger chiuderà il tuo blog chiuderà con lui. E tutta la fatica spesa a far SEO e posizionare il blog nei motori di ricerca sarebbe vana.

      Idem per wordpress.com. Sono estremamente convinto che un blog debba essere hostato su un porprio hosting wordpress. :-)

  • Ciao, post certamente interessante e con vari spunti di riflessione al suo interno, ma mi permetto di fare due osservazioni in merito, essendo da anni addentrato nel settore sia esternamente che lavorando a stretto contatto con hosting provider di vario tipo.

    1) In primis, per me è del tutto scorretto dedurre che il cambio di hosting sia per forza in relazione con l’incremento di visite. “Correlazione non implica causalità”, per dirla tecnicamente, o se preferisci: il tuo incremento di traffico potrebbe essere legato casualmente al cambio di hosting. Lo scrivo giusto per evitare che qualcuno tragga conclusioni fuorvianti: se ad es. un webmaster ha Bluehost potrebbe essere tentato a cambiare, ma non è così semplice il discorso! (magari lo fosse…) Quella del grafico, peraltro, non è una crescita “esponenziale” – la quale cresce molto più velocemente di quanto rappresentato nello stesso – ma di entità molto più ridotta (riconducibile peraltro a varie cause, per l’appunto).

    2) “per quanto mi impegnassi a velocizzare […] a fare SEO la
    sua velocità rimaneva vergognosa e l’indicizzazione nei motori di
    ricerca non cambiava di una virgola”: secondo me, scusa la mia totale franchezza, hai le idee un po’ confuse in merito. Un conto è la responsività di un hosting, la sua velocità, quanto tempo impiega a servire le pagine ai client e cosa fai tu per velocizzare (caching, soprattutto). altro conto è il discorso SEO, non è detto (anche qui) che la velocità influenzi il posizionamento, non ci sono dati certi in merito se non congetture e “filosofie dei massimi sistemi” che trovi in rete… purtroppo! Gli hosting non influenzano la SEO più di quanto la migrazione degli uccelli vada ad incidere sul numero di siti web, certo se il sito è sempre a terra non sarà mai indicizzato ma è un po’ un caso limite :) L’indicizzazione è – perdona la mia forse insopportabile pignoleria – cosa molto, molto diversa dal posizionamento: quest’ultimo è sempre desiderabile, mentre il primo proprio no (se indicizzi pagine inutili serve a pochissimo, per esempio).

    Ciao e grazie dello spazio concesso :)

    • Ciao Salvatore,

      sono punti di vista differenti.

      Per farti un esempio nessuno conosce tutti gli ingredienti della Coca Cola (o almeno io sono rimasto a un tempo in cui non lo si sapeva) però se io e te fossimo degli esperti in campo chimico, potremmo ipotizzare la presenza di uno specifico dolcificante al suo interno grazie al nostro istinto da chimici.

      La stessa cosa per la SEO, la formula segreta non è rivelata, ma non è poi troppo difficile fare ipotesi piuttosto fondate.

      Matt Cutts, capo del webspam team di Google, ha più volte ribadito quanto sia importante per un sito essere dotato di codici puliti, immagini a basso peso e giuste performance.

      Il tutto porta a un fattore critico abbastanza evidente: la velocità.

      Google ha dati sul comportamento umano sul web che noi neanche possiamo immaginare: lui più di noi conosce quel semplice grafico che ho postato qui sopra nell’articolo.

      Un sito è lento? La gente lo abbandona piuttosto in fretta. Hai GAnalytics installato? Google sa, google conosce.

      Due fattori critici:

      -la velocità di risposta del server hosting: è addirittura evidenziata in rosso tra i dati più importanti nel google speed test.
      -il bounce rate

      Sono misure che secondo me (e anche secondo altri) influenzano la SEO.

      Alt. Se la velocità non fosse così importante per Google perché Google stesso avrebbe dovuto inventare il Google speed test e il modulo di apache Google pagespeed?

      Tu dici che non ci sono dati certi (se non congetture dei massimi sistemi) per dimostrare che la velocità di caricamento e del server influenzano la SEO.

      Beh è stata Google stessa ad affermare e aggiungere nel 2010 la velocità ai suoi 210 fattori determinanti per la SEO. http://www.mattcutts.com/blog/site-speed/

      Sicuramente, come afferma MOZ, la velocità non è un fattore determinante per la SEO, è un’unità di base necessaria.

      Se il tuo sito impiega 5/8 secondi a caricarsi nessuno continuerà a navigare dopo esser capitato nella prima pagina —> Meno pageviews e meno visitatori di ritorno —> Meno condivisioni —> Meno nuovi visitatori —> Meno backlink —> Google come risponderebbe a questi fattori?

      Ho tirato in ballo la SEO, perché secondo me se un blog impiega 6 second a caricarsi questo può avere un impatto negativo.

      Comunque sia sono un blogger che si preoccupa di più dei contenuti e dell’user experience dei propri visitatori.

      Proprio per questo ci tengo a ribadire che il vantaggio superiore in siteground è proprio la velocità.

      Ciao Salvatore,
      grazie per la riflessione ;-)

      • A sostegno della mia tesi pubblico anche un infografica di Kissmetrics su come la velocità di caricamento di una pagina influisca sulla SEO

      • Everlind

        Salve Dario,

        è vero, la velocità riveste la sua importanza ed è stata di recente inserita come fattore di ranking per Google.

        Probabilmente Salvatore nel suo intervento intendeva dire, che cambiando Provider ed utilizzando SiteGround, traendone un miglioramento generale come performance (con un aumento anche di visite e nei dati statistici di Analytics), non hai migliorato la “SEO del tuo sito”, tutto qui.

        Perchè, SEO vuol dire altro ed in effetti è assolutamente vero.

        Ciò non toglie, che come hai giustamente fatto notare tu, un sito che su un Hosting carica in 5 secondi, rischia di incorrere in una pessima valutazione di Google e degli altri motori di ricerca, e col tempo, subire perdite di indicizzazione e posizionamento. E’ capitato anche a me su un Hosting americano che a volte impiegava 5 – 10 secondi per caricare semplici pagine.

        Il solo passaggio ad un Hosting più performante che caricava in 1 – 2 secondi, mi ha portato a godere in poco tempo di un netto miglioramento di tutti i dati statistici di Analytics e di un aumento di visite e traffico. Senza togliere, che molte posizioni su Google sono migliorate senza apportare altre modifiche.

        Questo non significa che ho migliorato la SEO del mio sito, ma sicuramente quel cambiamento mi ha portato notevoli benefici e visite maggiori, che prima avrei potuto solo sognare.

        Saluti ;)

    • Ciao Salvatore, a sostegno della mia ipotesi ti pubblico anche un’infografica di kissmetrics ;-)

  • Francesco

    [email protected] pare c’è anche tu stia prendendo dei soldi per rimuovere questo servizio di hosting…

    • Francesco

      Ho perso un pezzo di commento, volevo anche chiedere: Gianni chi? Ce l’ha un cognome?

      • Qua non posso dirtelo, ma contattami via mail e te lo dirò volentieri :-)

    • Certo, non ci sono dubbi. Nella guida su come guadagnare con un blog (https://www.dariovignali.net/guadagnare-con-un-blog/) ho spiegato molto bene che uno dei sistemi con cui questo blog genera ricavi è l’affiliate marketing.

      L’etica sta nel fatto che i prodotti che suggerisco e con cui sono affiliato sono tutti prodotti di cui io stesso faccio uso e di cui ho potuto testarne l’effettiva qualità.

      Se poi tu sei contro al fatto che un blog possa guadagnare non posso saperlo, ma l’articolo riporta in modo del tutto fedele il mio case-study.

      Non sto suggerendo un host qualsiasi giusto per farci dei soldi. Se avessi voluto farlo avrei creato la solita pagina di review di tutti gli hosting sul mercato così da intensificare le vendite affiliandomi ad ognuno di loro. Un po’ come fanno tutti i siti se cerchi recensioni di hosting online.

      Io suggerisco l’host, l’ho del mio blog, quello per cui sono enormemente contento ;-)

      Ciao Francesco!

  • ColHub Group

    Pagato o meno, correlato o no potremmo democraticamente dire che purtroppo o per fortuna le performance incidono sul posizionamento (quantomeno a parità di qualità e ottimizzazione di contenuti), quindi fare una prova non costa nulla e il servizio di trasferimento è senza dubbio una buona strategia per conquistare clienti :)

    Dunque fermo restando l’articolo interessante, quando capiterà l’occasione potremmo fare una prova e magari rimanere piacevolmente colpiti o meno…a parità di costo non credo che rischieremo molto in confronto a servizi come aruba no?!

    • No infatti, sono molto stranito nel vedere gente capace di spendere 50 euro in hosting Italiani come Aruba quando questi non riescono ad offrire neanche la metà delle performance dei servizi Americani ;-)

      Ciao e grazie mille!
      In bocca al lupo per tutti i progetti di vita ;-)

  • Gerardo Forliano

    Ciao Dario, ormai si può dire che io sia un tuo assiduo lettore.
    Basta pensare che ogni tanto clicco sul link al tuo sito nei miei preferiti in attesa di nuovi contenuti (senza dubbio di qualità).

    Volevo porti una domanda: ho aperto la pagina di Google pagespeed insights anzi ne ho aperte due e ho provato a fare il confronto proprio con i tuoi due siti, come stavi facendo tu nell’articolo.
    Ho eseguito questo test varie volte, almeno 4/5.
    Ebbene stando ai risultati del tool di Google non è che poi ci sia tanta differenza.
    Come me lo spieghi? Metto in allegato i due screenshots relativi alle due pagine.

    Grazie ;-)

    Gerardo

    • Stamattina verifico il tutto, deve essere sicuramente accaduto qualcosa perché durante l’ultimo test il punteggio era molto più alto.

      Al di là dela pulizia del codice non puoi dirmi che a vista non si noti la differenza nella velocità di caricamento delle pagine :-)

      Ora verifico poi ti riporto tutto!

      Grazie mille Gerardo per le belle parole ;-)

    • Ok, trovato, era un problema di w3totalcache, dai un occhiata ora. Posso migliorare ancora di più sistemando due o tre banalità ma ora sono di fretta. Sono richieste esterne e ottimizzazione delle immagini, l’hosting non è colpevole. Prova a navigare nel blog ora ;-)

      • Gerardo Forliano

        Perfetto. Anche eseguendo di nuovo il test si nota la differenza.

        p.s. Magari in futuro potresti scrivere un articolo (spero di non averne perso uno simile già presente) per l’ottimizzazione di un blog trattando appunto un pò più nello specifico di w3totalcache, richieste esterne, ottimizzazione immagini, altri plugin, etc, etc.. per massimizzare la velocità di caricamento delle pagine (e di conseguenza migliorare l’UX).

        Sono un ing. informatico ma mi occupo di sviluppo mobile app, di questo settore non ne so molto, il poco che so lo devo a te! ;-)

        Grazie

  • Ciao Andrea, i risultati discrepanti non erano colpa dell’hosting ma di un settario errato di w3total cache ;-)

    Se vuoi puoi provare ora, ciao!

    Grazie a te per le belle parole ;-)

  • Da un analisi approfondita siamo quasi pari nell’ottimizzazione del codice (fonte speedtest google): io 80 punti tu 82.

    Quindi a parità di codice e sebbene il mio blog sia più pesante del tuo (1000kb vs 800kb) secondo diversi test eseguiti su tools.pingdom.com la mia velocità di caricamento a volte tocca punte inferiore al secondo, la minima che ho verificato dopo diversi test su pecoramannara è di 2 secondi netti (il doppio).

    Quindi si, confermo che siteground ha un gran suo perché, se avrai modo di provarlo fammi sapere! Saluti Andrea e grazie ancora delle tue riflessioni ;-)

  • Francesco Michelini

    Sono un soddisfattissimo cliente di Siteground, ormai è la mia unica scelta quando devo scegliere un hosting per un cliente, ha praticamente tutto quello che serve e anche di più.

    Quando ho aperto l’account mi hanno addirittura telefonato per chiedermi se era tutto a posto, quale altro hosting lo fa?

    Per non parlare dell’assistenza tecnica, i ticket li risolvono nel giro di un’ora, nei casi più gravi ti stanno addosso finché non l’hanno risolto chiedendoti scusa alla fine (successo ad un mio amico).

    Il costo è leggermente superiore alla media, ma lo considero il prezzo giusto per il servizio fornito.

    • Grazie Francesco,
      vedo che siamo sulla stessa linea d’onda ;-)

      Anche io, come puoi vedere, mi sono e mi sto trovando benissimo.

      Non mi era mai capitato di passare le giornate a chattare con lo staff del team del mio hosting ;-)

  • giulia corsi

    ciao, è stato un caso, oppure siteground non ha un call center che parla italiano?a me hanno risposto in inglese dicendomi che il servizio in italiano non è attivo,cosi come per la chat
    ciao
    giulia

    • Ciao Giulia, ce l’ha, proprio come dicevo nell’articolo!

      Lo trovi su questa pagina: http://www.siteground.com/contact_us.htm

      • giulia corsi

        ciao dario,grazie per la risposta, ma un’ora fa ho chiamato quel numero e mi hanno risposto in inglese, ho chiesto di parlare in italiano e mi han detto di no.
        la stessa cosa per chat immediata
        magari dopo riprovo, magari è stato un caso
        cmq ti faccio sapere
        ciao giulia

  • giulia corsi

    ciao Dario, ti confermo che il call center non parla in italiano,ma è solo una chimata effettuata in italia e perciò non si paga. purtroppo perciò è tutto in inglese
    a me sta risultando piu difficile del previsto il passaggio dal mio vecchio hosting al nuovo: dicono che mi hanno fatto il passaggio ma che devo cmabiare dns e che poi avverrà il passaggio definitivo pagando pero 11 euro,quindi non grauito.
    posso chiederti un aiuto?posso mandarti una mail?
    grazie ciao giulia

      • giulia corsi

        ciao Dario, ti ho scritto via mail diversi giorni fà, ricevuto tutto?

        • giulia corsi

          ciao Dario, mi spiace che non mi rispondi provvederò in altra maniera.
          ti consiglio però di modificare nel blog quelle imprecisazioni che ti ho fatto notare, perchè altrimenti altre persone inesperte come me, potrebbero rimanerci fregate proprio come è stato per il mio caso

          • Ciao Giulia,

            scusa sono sommerso di lavoro e ricevo richieste di aiuto da ogni dove e per mille motivi diversi tra loro, faccio fatica ad aiutare tutti.

            Ad ogni modo penso di aver perso la tua risposta. Contatta la mi assistenza clienti del blog: [email protected]
            :-)

  • Elisa Callegari

    Ciao! spero mi potrai aiutare… Ho da qualche mese aperto un blog su wordpress, e ho comprato il dominio proprio tramite il sito wordpress a 15 euro (dominio e mappatura).
    Mi chiedo: devo comprare un altro dominio o hoisting? sto impazzendo! vorrei semplicemente cambiare tema al mio blog, vorrei metterne uno trovato su internet ma nelle istruzioni che ho trovato mi viene detto che devo comprare il mio spazio sul web.. ti prego, mi potresti illuminare??
    Grazie!
    Elisa

    • Ciao Elisa per avere un tuo template (tema wordpress) scelto da internet devi avere un tuo blog autonomo e hostato su un tuo hosting a pagamento come siteground! WordPress.com non va bene :-(

  • David

    Caro Dario, complimenti per la guida. Ma la parola “qual’è” con accento, presente nell’immagine di copertina dell’articolo, nessuno l’ha notata… a parte me :D eheheh

  • FedericaBortolussi

    Ciao Dario! Ho visto che SiteGround propone 3 pacchetti…tu quale consigli? Grazie e buona giornata!

    • Io uso un growbig però anche il meno costoso va benissimo se devi creare solo un blog. Io sul mio host diverse cose e mi serviva una soluzione più grossa ;-)

      Però per altri blog che ho creato ho sempre utilizzato l’entry Plan ;-) —
      Sent from Mailbox for iPad

      • Andy

        Ciao Dario, complimenti per l’articolo, vorrei chiederti un’informazione dato che molti provider “te la nascondono” :) : quant’è il memory limit di un hosting GrowBig? :) Grazie mille!!

        • Ciao Andy, benvenuto sul blog! :-)

          Ho chiesto all’assistenza per risponderti, la loro risposta è:

          The PHP memory_limit on our shared hosting plans (StartUp, GrowBig and GoGeek) is 128 MB.

  • ds

    Ciao,

    io mi sto togliendo da siteground perchè sul sito pubblicizzano una assistenza telefonica in italiano che non c’è in realtà, e lo trovo assolutamente scorretto, come ho avuto modo di dir loro. Magari tecnicamente è il migliore, non lo so perchè non me ne intendo, ma la mancanza di trasparenza per me è un peccato grave. Sono comunque gentili nell’assisterti per cancellare il servizio.

    • Ciao ds, se hai bisogno di un aiuto perché non riesci a far qualcosa scrivi a [email protected]

      Ad ogni modo offrono un numero italiano, in questo modo permettono ai clienti Italiani di rispettare le tariffe dei propri operatori senza fare chiamate internazionali, la lingua però rimane quella inglese :-(

  • Ciao Dario,

    seguendo il tuo consiglio sono passata a siteground. Ho aperto un sito che si chiama http://www.lovelychitchat.com. Il problema è che se cerco in google tramite i tags i miei articoli del nuovo sito non ottengo nessun risultato. L’unica cosa che appare è il vecchio blog (dallo stesso nome ma wordpress.com) ma cliccandoci i visitatori vengono reindirizzato al nuovo sito. Mi chiedo perchè non riesca a vedere il nuovo sito online usando i tags. SEO tools (attracta) dicono che il sito c’è su google. Sai aiutarmi? Grazie mille davvero, Stefania

  • Simone

    Ciao Dario, complimenti come sempre..TOP.
    Ho configurato w3 total cache ma quando vado al salvataggio mi da circa 1200 messaggi warning errori… ti allego un print screen.. :| comunque anche con questi errori è attivo e un minimo migliramento l’ho notato tra prima e dopo l’installazione

    • simone

      ops sorry ho sbagliato post…dovevo inserirlo nell’articolo dove parlavi della velocità ;) Sorry

  • MarKusss

    ottimo articolo! attualmente il mio blog è su altervista dopo essere passato prima da Netsons e poi Godaddy. Altervista tutto sommato va bene, finchè non hai dei problemi, poi a quel punto si dimenticano di te, nel senso che ti rimandano al loro fourm, con i tempi classici di un forum…
    Ora vorrei cambiare e ti chiedo, oltre a wordpress ho il forum con vbulletin, siteground lo gestisce senza problemi? e phpBB?
    siteground offre un server condiviso o dedicato?

    Grazie.

  • carusino

    Ciao Dario!
    ho visto che sei informatissimo per quanto riguarda Siteground!
    sono un profano e non ne capisco molto ma volevo farti una domanda: sai se con site ground comprando il pacchetto base “start up” è possibile installare l’app di WordPress e caricare temi comprati da altri siti?
    e se si è una cosa facile o complicata ??

    grazie mille per la risp e complimenti per il forum !

  • Michele Lunghi

    Ciao Dario,
    innanzitutto complimenti per il blog, ti seguo da pochi giorni e ho trovato moltissime informazioni utili. Volevo chiederti un informazione riguardo al tuo hosting.
    Siteground permette di creare sotto-domini gratuitamente?
    Date le mie esigenze sarebbe un requisito fondamentale.
    Ti ringrazio in anticipo, a presto.
    Michele lunghi

  • Applefive

    Ciao Dario, mi hai convinto di cambiare e passare su siteground, ho parlato con loro, via chat, ma per fare il trasferimento al loro hosting, (fatto da loro) mi hanno chiesto 40€ a ora, se supera 1gb, io su disco ho più di 4gb,(da li si vede quanto pesa il blog?) più o meno quanto tempo ci vuole, e non c’è una guida di come fare il passaggio su siteground e configurare il tutto, grazie mille, ottimo blog

    • Ciao :-)

      Guarda, tecnicamente a me l’hanno fatto gratuitamente passando da bluehost a siteground growbig. Inoltre 4gb mi sembra un po’ esagerato per un blog. Il mio ne occuperà uno :-) di guide se il tuo blog è già wordpress potresti basarti sul mio articolo su come spostare un sito da wordpress.com a self hosted, cerca su google la trovi (sono con ilcell) fammi sapere! —
      Sent from Mailbox for iPhone

      • Applefive

        Scusa, forse una domanda stupida, come faccio a vedere quanto pesa il mio blog?

        • Ora dove poggia? :-)—
          Sent from Mailbox for iPhone

          • Applefive

            Su hostingwebitalia

          • e il peso dei 4gb come l’hai calcolato? :-)—
            Sent from Mailbox for iPhone

          • Antonio

            Sono entrato nel pannello di controllo, ho visto sul disco sono stati consumato 4gb su illimitato, ho pensato che era quello

  • Applefive

    Ciao Dario,
    Ho seguito il tuo consiglio e sono passato su siteground, volevo chiederti, per usare in pieno supercacher, hai installato il plugin di wordpress (su siteground)

    • Assolutamente si! Uniscilo alla mia guida su come velocizzare wordpress con w3total cache e otterrai le prestazioni migliori che puoi desiderare :-)— Sent from Mailbox for iPhone

      • Applefive

        Dario, mi serve un aiuto,
        il mio blog già è su piattaforma wordpress, nell’hosting ho attivato supercacher, VARNISH STATIC CACHE (primo livello), gli altri due, VARNISH DINAMIC CACHE e MEMCACHED, non ho potuto perchè non ho l’applicazione (penso). cmq in questo modo non è cambiato la velocità del mio blog. Non mi potresti dare qualche spiegazione, una mini guida?
        Grazie mille sei gentilissimo.

  • Mmmm Luca fossi in te se è un sito vecchio e grosso e non un semplice blog lo lascerei fare ai ragazzi di siteground che penso lo facciano per 40 dollari o gratuitamente (non ricordo). Purtroppo il supporto è solo english ma se apri un ticket rispondono dopo due minuti massimo!— Sent from Mailbox for iPhone

    • Luca

      Ciao Dario,
      grazie per la precedente risposta ;) !
      Avrei un’altra piccola domanda.
      Ma dopo aver trasferito il mio blog su siteground e reindirizzato i name server. La gestione delle mail associate al dominio, le potrò gestire attaverso i server di siteground nel loro cpannel ???
      Grazie.
      Ciao

  • Io ti consiglio di aggiornarlo li tanto non cambia nulla spostarlo :D

    Dario Vignali
    Marketing specialist
    Business designer
    https://www.dariovignali.net

    • Mattia

      ciao Dario grazie mille tutto risolto :)
      Ho un piccolo problema: dopo aver trasferito il primo sito su Siteground ora voglio creare un secondo sito utilizzando il pacchetto Growbig ma non capisco come devo fare per iniziare. Il dominio devo averlo già acquistato o lo posso comperare con il tasto ADDONS DOMAINS?
      grazie mille mattia :)

      • Ciao Mattia! Vai nella zona di acquisto su siteground dal suo pannello di controllo (una volta loggato) e compri un dominio. Poi da Cpanel vai in addon domains e assegni il nuovo dominio ad una cartella dell’hosting. Poi in quella cartella ci installi wordpress. E il gioco è fatto :-)— Sent from Mailbox for iPad

        • Mattia

          Ciao Dario grazie mille! :) grazie ai tuoi consigli sono riuscito a risolvere tutto volevo chiederti un suggerimento: volevo effettuare un backup del mio sito perché con la versione 3.8.2 non avevo qtranslate aggiornato, meglio installare qualche plugin o utilizzare il backup automatico che ha salvato siteground ?

          • Ciao Mattia! Grazie a te :-) quello di siteground va benissimo. Altrimenti, se hai qualcosina da investire io consiglio sempre l’abbonamento base a vaultpress (4 dollari al mese).— Sent from Mailbox for iPad

          • Ciao gaia, basta puntare i dns su siteground (loro ti spiegheranno come). Dovrai fornirgli tutti i dati di accesso all’hosting vecchio :-)— Sent from Mailbox for iPad

  • Alberto Cabas Vidani

    Ciao, non conoscevo SiteGround. A livello di prezzi l’hai comparato con altri hosting veloci?

    • Assolutamente—
      Sent from Mailbox for iPhone

      • Alberto Cabas Vidani

        ;-) Quindi gli altri sono più costosi?

        • Per le stesse performance di Siteground? Quasi il doppio più costosi. Vedi Sinthesis ;-)

  • luke

    Ciao!
    Sto per aprire un blog fotografico con WP. Non ti chiedo quale hosting mi consigli visto che l’articolo già risponde :-) però vorrei chiederti quale pacchetto di Siteground sarebbe piu adatto..?? Non ho idea di quanto spazio io abbia bisogno, ma pubblicando foto, immagino ne serva abbastanza…

  • dario salamone

    ciao dario …sono dario ho un problema che forse mi puoi aiutare certamente….
    ho comprato un dominio su wordpress.com ma non riesco a caricarlo sulla piattoforma di wordpress.org come faccio
    grazie

    • Ciao Dario, semplicemente chiedi aiuto all’assistenza di wordpress.com. sono bravissimi— Sent from Mailbox

  • roberto

    Molto interessante…..io ho sempre usato netsons, ultimamente mi sta dando qualche grana…vorrei trasferire tutti i miei siti, ma quale tra i piani hosting offerti da siteground mi consiglieresti per un sito che genera circa 80.000 mila visite al mese e che prevede un ecommerce?

    • Ciao Roberto! Consiglierei il growbig, oppure se hai qualcosa da investire… Gogeek per forza!!

  • spaccatoto s

    Ciao Dario,sono un po di giorni che in rete leggo solo il tuo blog e link collegati,volevo aprire un blog amatoriale e quindi prendere uno spazio su siteground,avrei una domanda tecnica se puoi rispondermi, è possibile installare più temi wordpress? quindi due temi diversi?

    • Puoi installarne quanti ne vuoi ;-) Però ovviamente ne puoi usare solo uno alla volta

      • spaccatoto s

        grazie mille, hai un blog molto utile naturalmente per l’acquisto passerò dal tuo link, sto buttando giù un progetto per capire quello che devo fare, quello che voglio realizzare, grazie di tutto ti seguirò costantemente

        • Grazie a te, un saluto e in bocca al lupo per tutto ;-)

  • Luca Bruni

    Ciao Dario, ho bisogno di aiuto.
    Ho un sito web aziendale “normale”, quindi non WordPress, con dominio e host acquistato su Register.it. Ora vorrei fare il grande salto a WordPress.org mantenendo il mio attuale dominio, posso farlo usando SiteGround?

    • Certo basta puntare i dns Da register a siteground—
      Sent from Mailbox

      • Luca Bruni

        Ok, ma in questo modo dovrei continuare a sostenere il costo annuale del dominio su Register insieme a quello di SiteGround. Pensavo invece che passando a SiteGround potessi staccarmi definitivamente da Register e pagare un solo hoster. Scusami magari sono domande banali, ma sono alle prime armi con WordPress! ;-)

        • Certo, siteground per 22 euro ti trasferisce il dominio su siteground e sei a posto ;-)— Sent from Mailbox

  • Andrea

    Ciao, penso anch’io che Sitegorund sia uno dei servizi hosting migliori tuttavia, per il mio sito, sto studiando anche altri competitor come Inmotion Hosting. L’hai mai provato? Se sì, perchè dovrebbe essere inferiore a Siteground?

  • Ilaria

    Ciao Dario, innanzitutto complimenti per il tuo sito, dai spunti davvero utili.
    Devo aprire un sito internet per mio marito (ambito finanza) all’interno del quale mi piacerebbe creare anche una pagina blog in cui inserire articoli con una certa frequenza.
    Mi stavo subito buttando su register poiché mi sembrava molto facile creare il sito pur non avendo grandi competenze, ma poi mi sono imbattuta in questo tuo post su SiteGround.
    A questo proposito, pensi sia altrettanto semplice creare il sito su Siteground? Ci sono layout/temi predefiniti come in register? Posso creare una newsletter e inserire una pagina blog all’interno di un sito internet?
    Alla fine il sito dovrà risultare graficamente piuttosto semplice..
    Scusa le tante domande e i tanti dubbi..
    Grazie
    Ilaria

    • Assolutamente si Ilaria :-)

      • Guest

        Dario scusa, un’altra banale domanda..
        Ma le fotografie che si mettono sui blog (anche tutte quelle che vedo nel tuo), si possono prendere liberamente dal web? O devono essere per forza proprie? Tu come fai?

        • Ciao, mi permetto di rispondere, avendo un sito dove le foto sono una componente importante: Se le prendi dal web devi essere certo che siano sotto “creative commons”, il che significa che l’autore ha autorizzato l’uso su altri siti. Qui c’e una spiegazione tecnica: https://www.flickr.com/creativecommons/

          Puoi andare su google e cercare creative commons images, e ti escono parecchi siti dove cercare. Bisogna stare parecchio attenti perche’ usando immagini coperte dal copyright senza saperlo puo’ portarti a guai legali..

          • Io le prendo su Pixabay! Sono Free e non devi indicare nemmeno il nome dell’autore della foto quando la posti sul tuo blog.

  • Ciao Dario,
    devo ammettere che hai un potere persuasivo davvero grande. Due cose mi sfuggono (poi passo a Siteground eheh): Il dominio è incluso nell’hosting per il primo anno oppure anche per i seguenti? Mentre per quanto riguarda i prezzi i 50€ sono per il primo anno, nei seguenti il servizio viene 100, è corretto?

    • Per il dominio esatto! Per quel che riguarda il costo non lo so, non mi pare aumenti! Ma potrei sbagliarmi. Non riesco a controllare perché sto guidando verso la Puglia :-)— Sent from Mailbox

  • Giacomo Bilello

    Ciao a tutti, volevo parlarmi della mia esperienza tragi-comica con Hosting 99.

    Oggi scopro che da 2 gg non ricevo nessuna mail dal mio sito, strano, ne ricevo una decina al giorno, provo a vedere che è successo e scopro di avere il sito OFFLINE!!!

    Dal mio pannello di controllo delle scadenze dei piani hosting noto che il piano relativo al mio sito scade ne 29/07/2015 e risulta attivo. Tutto tranquillo quindi, parlo con un operatore in live chat e risolvo tutto pensavo… ERRORE!

    L’operatore fa un casino allucinante, prima sostiene che io non abbia pagato, poi sostiene che ho ignorato gli avvisi ricevuti (INESISTENTI), poi crea una fattura di scadenza dominio ma un’altro, poi la cancella, nel panico totale mi crea una nuova fattura da pagare con data emissione 1/agosto e con data scadenza 5 gg fa. ma io ho già pagato il rinnovo per il 2014. Il piano hosting mi scade a luglio 2015 :)
    Inizia a sostenere quindi che era mio dovere informarmi della scadenza del piano (ma non è scaduto) dovevo leggere le email inviate di avviso scadenza (peccato che non ci sono).
    Dopo n tentativi di salvare il salvabile l’operatore mi invita ad aprire un ticket sostenendo che non può aiutarmi e che sono nel torto più marcio.

    Torno tra le fatture da pagare e magicamente sparisce la fattura che mi aveva precedentemente creato, il mio sito risulta bloccato (non posso neanche cambiare hosting) e ovviamente cosa piu grave continuo a restare OFFLINE!

    RAGAZZI, datemi retta….

    LASCIATE PERDERE HOSTING99.

    Vi terrò aggiornati sulla commedia.

  • RaoulWB

    bellissima guida. Sei estremamente chiaro e convincente. Con tutti questi link ad altre giude, non riesco a finire di leggere, complimenti ;)
    mi stai convincendo davvero a fare un sito con wordpress.org e host siteground.

  • Articolo molto interessante grazie.
    Sarebbe altrettanto interessante scoprire la sfera italiana delle offerte…

  • Bell’articolo!
    Non conoscevo Siteground e nemmeno il tuo blog! Una bella scoperta in entrambi i casi ;)

  • iFurlo

    Lo sto usando da 5 minuti, pienamente soddisfatto, grazie dell’articolo!

  • Ciao Dario ti conosco da poco ma ho praticamente divorato gli ultimi tuoi 20 articoli. Ho notato che il sito Siteground che linki in tutto l’articolo non e’ funzionante sai? Riesci a dirmi di più? Come posso avere una tua consulenza diretta sul mio progetto? Ho hostato 3 anni fa tutti i miei blog e vorrei cambiare ma ho decisamente paura che venga fuori un bel casino.
    Grazie della tua attenzione.

  • Vittorio

    Ciao!
    Ho letto molto attentamente quello che hai scritto ed essendo alla ricerca di un servizio hosting che mi permetta di creare “qualcosa2 lo trovo molto interessante
    Ho solo un dubbio… in molte ricerche che ho fatto vedo molti che dicono che il prezzo del servizio è annual, altri mensile altri non lo sanno
    La mia domanda è… effettivamente com’è? :)
    Sarei molto incuriosito ma prima di prenderlo vorrei capire bene!
    Sarei intenzionato a un servizio di hosting con più domini, ho visto che se non sbaglio il secondo pacchetto “GrowBig” offre questa possibilità, ma i 7.95€ che costa sono da considerarsi mensili?
    Grazie mille in anticipo :)

  • M.

    Insomma, in tutto quanto costa? host+trasferimento effettuato da loro perchè io in informatica non ho molta dimestichezza :) Vorrei sapere se è davvero conveniente visto che in questo periodo ho perso molte visite visto che non ho più la pagina facebook.

  • Mauro

    Ciao Dario,
    Scrivo qui per la prima volta :) anzitutto complimenti vivissimi per il bellissimo lavoro…poi rispetto a questo articolo ti volevo chiedere se non era ancora meglio usare wordpress installandolo da zero su un proprio server linux….io ho già un server virtuale tutto per me con 8 GB di RAM e dovrebbe viaggiare molto bene…ho anche sentito che avendo il controllo totale della macchina si può intervenire con molta più efficacia sul SEO….ultima domanda…..se inizio a lavorare su una versione in locale (con wordpress installato sul mio laptop)

  • TommasoTosi

    Ciao Dario,
    ottima la scelta di fare video!! Mi piace un sacco! Penso che intesinfichi ancora di più il rapporto tra te e il lettore :-)

    Solo che dovresti imparare a montare un po’ meglio, alcune parti sono fuori sink e forse si percepiscono un po’ troppe pause.

    Ma vai così, l’idea è grandiosa!!

    Che telecamera usi?

    • Ciao TOMMY, si ho notato. Solo che per imparare e realizzare quel singolo video ho impiegato diversi giorni. Una volta fatto non avevo voglia di rifarlo, mi stavo per trucidare e me ne sono fregato. Come ogni cosa i risultati miglioreranno! Videocamera uso la mia mirrorless fuji xt1 e microfono heil pr 40 più scheda audio apogee one :-) per il video hosting uso wistia ;-)Le pause sono un po’ troppe ma servono per interrompere il flusso video e riprendere l’attenzione del pubblico a cicli. Se ci fai caso la utilizza molto anche dereck halpern di social trigger (ma anche Francesco sole giusto per fare un esempio che non c’entra nulla ma italiano). La voce è in alcuni punti fuori tempo si, e forse uso troppo le mani (ma quello è dovuto al mio modo di fare!).
      Un abbraccio


      Inviato da Mailbox

  • Nico Peroz

    Siteground..:) interessante

  • Nico Peroz

    Posso dire una cosa? io credo che non bisogna avere fretta di creare un blog, onde evitare errori. Ammetto di non avere esperienza in merito, a parte msn anni fa :), quindi credo sia meglio documentarsi:)

  • Gianluca

    Caro Dario, ho visto anche 70 altri blog e tutti parlano molto bene di sicuro un, solo che….
    questo è il mio primo blog per me è l’assenza di assistenza in italiano mi terrorizza. Cosa mi consigli?

  • Gianluca

    Mica posso stare sempre con il traduttore in mano?

    • Dipende! Ad ogni modo l’hosting lo si acquista, si installa wordpress (e ho spiegato come si fa nel video tutorial) e poi lo si dimentica

      Inviato da Mailbox

  • Gianpi

    Semplicemente utile.
    Grazie tante

  • dsfhrr

    madò quanto gesticoli..mi fai venire il nervoso

    e ti do un altro consiglio: tagliati quella barba che sembra che hai un ascesso in bocca

  • Ciao Dario ho appena ricevuto la tua newsletter sul Black Friday e ho visitato il link di SiteGround ma non si vedono banner di scontistica super per il periodo che indicavi (28 nov – 1 dic)..
    Normalmente ci sono banner ciclopici ad evidenziare lo sconto per il limitatissimo periodo.. Volevo sapere se, per esempio, è vero che negli altri giorni il piano GrowBig, che ora vedo scontato (non so se proprio per il black friday) a 7.95 €/mese, costa effettivamente 12.95 €/mese.. e poi la massima scontistica mi pare raggiunga il 50%, dove hai visto il 70%? C’è qualche pagina che mi è sfuggita? Bravo come sempre e grazie per la dritta!!! Sarà mia cura eventualmente azzerare la cache di Safari e ricliccare sul tuo link per indirizzare correttamente a te le commissioni :-)

    • Partirà domani ;-) Domani si dovrebbero vedere!

      Un abbraccio!


      Sent from Mailbox

      • Cavolo! Quindi quello che si vede adesso, per esempio a 7,95 euro subirà ulteriori sconti? Ho capito bene?

        • Si ma sono 7.95 al mese direi Ale, Adesso controllo.


          Sent from Mailbox

          • E’ proprio la conferma che volevo: 12,95/mese normalmente, 7,95/mese sconto “solito”… ancora meno da domani a tempo limitato.. Benissimo!
            Grazie :-)))

        • Ho scritto al mio contatto di siteground. Mi risponderanno entro domani. Comunque ora costa 7.qualcosa al mese, costerà ancora meno! Io raccomando sempre il growbig :-)


          Sent from Mailbox

  • marco

    Grazie Dario per questo post come per tutti gli altri.
    Sono davvero interessanti

  • Ciao Dario, ho scoperto da poco il tuo blog e da poco ho avviato il mio. Grazie per le preziose info! Usando il tool che hai indicato in questo articolo, mi sono resa conto che il mio sito è lentissimo!!! Per fortuna uso già siteground (www.threesixtyskills.com), altrimenti chissà come sarebbe stato ancor più lento, argh!! Quindi la mia domanda è: come faccio a ottimizzarlo ulteriormente, per far si che si carichi più velocemente? Grazie!

    • La risposta la trovi proprio nella mia guida per velocizzare wordpress :-)

      Inviato da Mailbox

  • La Fra

    Ciao Dario,

    complimenti per questo articolo, per il tuo sito e per la disponibilità nel dare supporto a tutti.

    Ecco la mia idea (magari folle).

    Allora io vorrei creare un sito nomecognome.com che sarà anche solo di una pagina (magari di quelli sviluppati con molto scroll e lo stile da infografica, ma su questo ci devo ancora riflettere) e che fa da biglietto da visita presentando me e quello che faccio.

    Su questa pagina ci saranno i link non solo ai social, ma anche ai miei due blog. Uno già esiste ed è su Blogger, mentre l’altro lo creerò tra qualche mese.

    I due blog dovranno avere dominio dedicato nomeblog.com e indipendente dal mio sito nomecognome.com in modo che possano avere vita propria e ci si possa arrivare anche direttamente dalla loro url senza passare dal mio sito personale con url simili: nomecognome.com/blog1 e nomecognome.com/blog2.

    Pensavo quindi a Siteground con pacchetto growbig e un dominio da comprare subito (il primo è incluso nel prezzo, il terzo lo comprerei tra qualche mese quando aprirò il secondo blog).

    Il sito personale lo costruirei da zero con WordPress, mentre il primo blog lo trasferirei tramite il plugin di WP. Sperando che trasferisca anche le foto presenti in molti post, altrimenti non mi passa più a trasferire 150 post e relative foto, uno per uno…

    Fila tutto o hai qualche consiglio da darmi per fare un lavoro migliore?

    Grazie mille.

    • Ciao Fra,Mi sembra tutto perfetto!!! Su growbig ci puoi aggiungere tutti i dominii e blog che vuoi. Incrocia le dita per le foto ;-)

      Un abbraccio e in bocca al lupo


      Sent from Mailbox

  • giovanni carrus

    salve Dario volevo chiederti un consiglio, sto creando una directory usando wordpress (ho visto che tu consigli siteground) dei tre pacchetti quale consigli? e poi conosci site5? grazie buona giornata

    • Ciao Giovanni non lo conosco!! Ti consiglio growbig se per te 80 euro all’anno non sono un problema :-)

      Inviato da Mailbox

      • giovanni carrus

        Grazie della pronta risposta, quindi siteground non è solo per blog si può usare pure per directory di grandi dimensioni

  • Sara

    Ciao Dario, sarò brevissima.

    In pratica se io decido di iniziare con wordpress.com con tutti i pro e i contro che comporta, dato che non ho soldi da investire attualmente.

    In un secondo momento,se vedo che la mia idea funziona e voglio fare il grande passo posso semplicemente comprare il mio host e transitare il tutto eliminando in toto i contro di wordpress.com.

    Ho ben capito?

    Grazie mille per l’articolo … sono mesi che sto progettando la mia “entrata in scena”, forse mi stai dando la spintarella finale verso wordpress!

    • Si ma non è facile, il trasferimento può comportare noie e penalizzazioni.

      Se uno ha poco budget, il mio consiglio resterà sempre di prendere piuttosto sitegound il piano startup che è il meno costoso e installare un tema wordpress gratuito così non hai altre spese.

      È meglio prevenire che curare :-)


      Inviato da Mailbox

  • chiara

    ciao dario ho iniziato a leggere il tuo blog quando cercando su internet cosa fosse meglio tra blogger e wordpress ho deciso di usare wordpress e siteground, ora sono piena di domande tra cui ora che ho scelto il dominio e aperto siteground devo installare wordpress sul computer oppure posso wordpress facendo il login dal sito, qual è la differenza? grazie mille

    • Non devi assolutamente installare wordpress nel computer, solo su siteground! Segui il videotutorial :-)

      Inviato da Mailbox

      • chiara

        ah ok grazie mille, mi erano venuti un po’ di dubbi pensavo che non bastasse installarlo solo su siteground. scusa un’altra piccola domanda, stavo cercando di seguire un tutorial su come creare un template di wordpress da zero oppure un tema figlio per poter cambiare un tema gia esistente. in questo caso dicono di creare una nuova sottocartella all’interno della directory /wp-content/themes di WordPress, dove devo farla sempre sul web?dove devo andare? grazie ancora per il tuo tempo e le tue informazioni..non vedo l’ora di iniziare anche io a bloggare con lo stesso tuo entusiasmo ;)

  • Marcello Cascone

    Ottimo articolo. Comunque il trasferimento è gratis se il sito pesa meno di un 1GB. In caso contrario, il costo del trasferimento a carico di SiteGround è di 50$. MI sembra utile farlo sapere.

    • Certo Marcello! Non ci avevo fatto caso :-)


      Inviato da Mailbox

      • Addirittura cambiato la vita? Ahahaha!
        Comunque speriamo di non fare casino con i redirect ed il trasferimento…

  • Cambiare hosting… Le sirene cantano! Ora sono su Altervista e la velocità “potrebbe” essere un problema. Però non si paga, ti gestiscono loro AdSense e hai un pacco di Backlinks. Secondo te vale la pena di lasciare tutto “solo” per la velocità? Ha senso rimettere mano a Google Webmaster Tools, ad Adsense, a Google Analytics e pregare Dio che i redirect 301 funzionino a dovere? Ho la tremarella…

    • Ciao Andrea, conosco decine di persone che hanno cambiato da aruba a siteground e il trasferimento gli ha pure cambiato la vita :-)

      • Preso siteground. partito con WP. Ora mi chiedo: come spostare una selezione di posts (non tutti) dal vecchio al nuovo? E come gestire il redirect 301 per non perdere il lavoro fatto su Google?

  • devo spostare un blog davver ogrande sia di contenuti che di visite, uno dei migliori in italia per la telefonia, tu mi raccomandi questa soluzione ???? adesso e hostato su Register e le cose non vanno proprio bene, quindi cercando ho visto il tuo post, che faccio mi butto ??? @dariovignali:disqus

  • Paolo Esposito

    Ciao Dario, prima di tutto grazie delle tue utilissime guide!
    Vorrei chiederti, siccome ho un sito che va lentissimo, vorrei cambiare hosting. Attualmente sono su aruba. Sai quelle offerte tipo 10/20€ all’anno tutto compreso? Dominio hosting e server? Ecco, ho preso quell’offerta! Ora ho performance deludenti! Vorrei trasferire il tutto su siteground, come posso fare? Sono circa 5/6 mesi che ho un Hosting Linux su Aruba

    • Ciao Paolo! Nella sezione video tutorial in fondo a questo post c’è anche spiegato come trasferire da un hosting a un altro :-)


      Inviato da Mailbox

  • Ciao Dario, il mio blog con server bluehost è stato hackerato e l’account sospeso.. bluehost mi ha chiesto circa 60$ per intervenire con l’aiuto dei loro tecnici ed inoltre mi hanno detto che sarò obbligata a acquistare un nuovo IP al “modico” prezzo di 39$/anno, dato che attualmente il server in condivisione è in blacklist. Il servizio di bluehost effettivamente è pessimo, il server lento e spesso addirittura offline per delle buone mezz’ore.
    Detto questo, stavo pensando di trasferire il blog su siteground, mi domando però se avendo l’account sospeso causa malware sia comunque possibile migrare i contenuti.
    Oppure è tutto perduto?

  • Nicola Albertini

    Piccolo il mondo!
    Qualche giorno ho ascoltato la tua intervista su ItalianIndie e contemporaneamente parlavo con un amico dell’hosting che vorrei cambiare e lui mi ha consigliato questo post!
    Ora mi guardo la guida e poi passo all’azione!
    intanto grazie mille, ti farò sapere com’è andata!

    • Grande Nicola!! Grazie mille :-) in bocca al lupo per tutti i tuoi progetti allora!!!


      Inviato da Mailbox

      • Nicola Albertini

        Grazie mille, li sto contattando proprio ora per il trasferimento (ho una situazione un po’ complessa, vorrei parlare con loro prima di procedere).
        Una domanda: ma tu in definitiva mantieni il server in Europa o negli States? Non ho capito quale sia la tua posizione definitiva.
        E quando decidi che server usare? dopo il trasferimento o te lo chiedono loro ad un certo punto?

  • Nicola Albertini

    Ho appena effettuato il trasferimento e sono soddisfattissimo!
    Il giorno dopo mi hanno pure telefonato dagli States per chiedermi se andava tutto bene e se avevo domande!!!!! :-)))
    Direi che ho fatto un ottimo affare!
    Una domanda: è meglio trasferire anche il dominio su Siteground o tenerlo da un’altra parte?
    Grazie mille!

  • Oreste Bellavita

    Ciao Dario ti ho scoperto solo oggi e già sto avendo una miriade di informazioni su come impostare il mio primo sito internet da amatore del campo. Sei davvero in gamba continua così!!!

    • Grazie di cuore Oreste! :-)

      Il giorno gio 19 mar 2015 alle ore 15:41 Disqus ha scritto:

      • Oreste Bellavita

        Ciao Dario una domanda, ma su optimizepress devo comprare per forza il pacchetto completo per creare (per capirci quello che parte da 97$) o si possono comprare anche solo i singoli template e plug-in vari? No perchè ho provato a prendere i template ma non riesco a registrarmi da nessuna parte boh!!! :(

        • Ciao Oreste, i Template sono per optimizepress :D Quindi si, ti serve optimizepress :)

          Il giorno dom 29 mar 2015 alle ore 18:51 Disqus ha scritto:

  • Cri

    Dario, mi hai convinta! Nel weekend passerò dal mio hosting low cost a Siteground!
    Ti faccio i complimenti e ti ringrazio per la chiarezza e l’esaustività delle informazioni di questa guida. Ti aggiornerò con due parole sulla mia esperienza!!

    • Importali tutti e poi cancella quelli che non vuoi. Per il redirect 301 c’è un estensione di wordpress.com oppure se avevi un tuo dominio puoi trasferirlo su siteground :-)

      Il giorno ven 20 mar 2015 alle ore 10:26 Disqus ha scritto:

  • roberto

    Dario perchè hai un sito .net, piuttosto che un .com o .it o .org? Che cambia?

    • Perché il .com era già preso :)
      Il giorno mar 24 mar 2015 alle 15:33 Disqus ha scritto:

  • Ciao Dario,mi chiamo Alessia e la tua guida su Siteground mi ha aperto un mondo. ti volevo chiedere una cosa: io ho un sito con wordpress in locale, e devo metterlo online. Siteground può andare bene? Consigli?
    Grazie mille!

    • Certo va benissimo. Ma nel 2015 non ha più senso fare i siti in locale :D
      Il giorno gio 26 mar 2015 alle ore 14:41 Disqus ha scritto:

    • Angelo Salerno

      Ciao Alessia…ho appena trasferito il mio sito….anch’io avevo lo stesso dubbio, e non essendo molto pratico a modificare il database ho caricato tutto su dropbox, hanno fatto tutto loro…..sono fantastici!!!

  • Mmmm dipende. Se l’ecommerce ha traffico vi coniglio gogeek o vps sempre siteground :-)
    Il giorno lun 30 mar 2015 alle 01:38 Disqus ha scritto:

    • Oreste Bellavita

      Rieccomi all’attacco Dario con l’ennesima domanda :P Prendendo i templat a pagamento da themeforest, se compro tipo questo: http://themeforest.net/item/enfold-responsive-multipurpose-theme/4519990
      che da più di una scelta all’interno dello stesso pacchetto, li posso utilizzare anche per più siti e non uno solamente specifico?
      Grazie per la comprensione nei confronti di un povero amatore di siti quale sono!!!

      • Esattamente si :-)
        Il giorno mar 31 mar 2015 alle 16:47 Disqus ha scritto:

        • Oreste Bellavita

          Wow grazie per la celerità della risposta. Sono fantastici questi di themforest, quindi spendendo una cinquantina di € ti ritrovi template a disposizione fin quando ne hai voglia giusto? A breve avrai le mie commissioni sia da themfoest che da siteground mitico Dario

          • Diciamo che il template che compri lo puoi usare tutte le volte che vuoi senza ripagare. Se il template al suo interno contiene diversi stili grafici o versioni ovviamene potrai utilizzarli senza limite :-) Grande Oreste!!
            Il giorno mar 31 mar 2015 alle 16:52 Disqus ha scritto:

          • Oreste Bellavita

            Si quello intendevo Dario! Se compro quel tipo di pacchetto che al suo interno contiene più di un tipo di template, li posso usare fin quando non mi stufo insomma :-)

          • Oreste Bellavita

            Houston abbiamo un problema, ho comprato il template che volevo solo che quando provo a caricarlo su wordpress mi dice così: POST Content-Length of 10251790 bytes exceeds the limit of 8388608 bytes in Unknownon line 0
            mi sai dire cosa posso fare? Può influire la cosa che sto lavorando in locale? Grazie per la pazienza Dario

          • Mmmm non saprei Oreste!!! Perché lavori in locale? Non ti conviene farlo direttamente sul server?
            Il giorno mer 1 apr 2015 alle 13:28 Disqus ha scritto:

          • Oreste Bellavita

            Ho risolto dario, era solo una questione di spazio allora ho copiato la cartella del template direttamente in quella thems di wp ed il tutto funziona tranquillamente. Sto lavorando in locale perchè è il mio primo lavoro serio e prima di mettere ciofeche online voglio essere sicuro :-p Grazie sempre per la tua disponibilità. Ah la mia piccola parte per te da themforest è fatta.

          • Ciao Oreste,

            quel problema lì era dovuto ad un’impostazione tecnica in php del server locale, in cui avevi un limite per la variabile post_max_size minore della grandezza del tema che provavi a caricare…

            Puoi cambiare la variabilie post_max_size nel file di configurazione php.ini.

            Te lo dico solo perché alcuni hosting hanno queste limitazioni ;)

            Giacomo

          • Oreste Bellavita

            Si grazie Giacomo era proprio così! Una domanda, siccome sto avendo un po di difficoltà con il template che ho acquistato con le varie impostazioni, plug in ecc sapete consigliarmi se ce qualche tutorial o cose simili da poter guardare e cercare di venirne fuori indenne? :-) Premetto che sono autodidatta ed alle prime armi con u sito vero tutto mio, grazie!

          • Eh dipende da che Tema hai acquistato.. sono tutti diversi, sicuramente avrà una documentazione.

            Giacomo

          • Oreste Bellavita

            Giacomo ho preso homeland real estate su themeforest!!!

  • sasy

    Come al solito leggere il tuo blog è un piacere

    • Grazie Sasy ;-)

      Il giorno sab 11 apr 2015 alle ore 18:43 Disqus ha scritto:

  • Alessandro

    Ciao Dario,

    complimenti per il tuo sito, molto interessante! So come passare le prossime settimane in ufficio per pianificare il fugone :)
    Il mio sito è hostato da Altervista e costruito con WordPress. Che tu sappia SiteGround effettua un trasferimento anche se il sito è appunto su Altervista o solo se è su WordPress?

    Grazie e buon lavoro!

    Alessandro

    • E’ una domanda che interessa anche me.
      Grazie Dario

      • A me alla fine l’hanno trasferito loro senza problemi :)

        • Ottimo. Quindi anche tu sei soddisfatto?!
          Per l’indicizzazione seo (redirect 301) mi sai dire come è andata? Hai salvato anche quella?

          • Se fai un redirect 301 corretto non esistono problemi particolari ed il funzionamento è indipendente dall’hosting ma dal corretto utilizzo di esso. Se lo spider di google incontra un redirect 301 e viene dirottato nella nuova url non succede niente ma anzi aggiorna l’indice. Ci sono servizi web (google ->check redirect 301) che ti dicono se il redirect funziona, se il responso è permanent redirect sei a posto. Ma con il passaggio a siteground non centra assolutamente nulla, soprattutto se passi a siteground con la stessa identica configurazione di dominio, ad esempio se il dominio principale è la versione con www e passi a siteground impostando il www come principale non ti serve di certo il redirect. Ti servirà solo se passi alla versione senza www. Hosting e indicizzazione non sono delle cose correlate strettamente. Dominio e Indicizzazione lo sono.

  • Lisa

    Ciao, per caso oggi mi sono imbattuta nel tuo sito e trovo interessante tutto ciò che hai scritto.
    Ho da poco aperto un sito (una settimana circa), quindi sto leggendo di continuo varie guide su internet.
    Ho letto che Siteground è il miglior hosting al momento, ma non riesco a fare questo passo verso di lui perché conosco l’inglese, ma non così bene da parlarci al telefono e per me questa è una cosa davvero importante, perché ogni volta che ho un problema li chiamo!!
    Attualmente ho Aruba, te cosa mi consigli di fare?!? Grazie mille.
    Lisa

    • Ciao Lisa, ma non devi mica parlare al telefono con nessuno :-)
      Basta che fai il trasferimento e se hai bisogno puoi sempre aprire un support ticket scrivendo senza parlare!

      Saluti

      Il giorno mar 21 apr 2015 alle ore 15:31 Disqus ha scritto:

      • Lisa

        Ah va bene! Allora farò questo passo! :)
        Comunque grazie mille per la tua risposta davvero velocissima! E complimenti per il tuo sito, molto utile per persone che come me si avvicinano adesso a questo mondo!! Buona giornata.
        Lisa

  • Tapiocapioca

    State molto attenti a questo provider.
    Una volta che immeterete la vostra carta di credito nel loro sistema di pagamento diventerà praticamente impossibile rimuoverla.
    lo scorso anno ho sottoscritto con loro un dominio per 39.10 EUR e tutto contento ho cominciato ad usarlo. Unitamente al pagamento ho disabilitato il rinnovo automatico del servizio.
    Il mio dominio scadrà il 7 Maggio ed oggi, il 22 Aprile, mi sono trovato un bell’addebito di 107.35 EUR senza che fosse richiesto.
    A mia richiesta di chiarimenti, hanno riposto che di default rinnovano al più costoso prezzo disponibile tutti i domini e li adebitano sulla carta di credito che è stata usata per la sottoscrizione e che non è possibile disattivare questa opzione perchè è automatica.
    Sarà anche un buon servizio ma occhio alla vostra carta di credito!

    • La carta di credito è l’unica forma di pagamento accettata? Non si può tramite prepagata?

  • Roberto di Webcultura.it

    Salve Dario,
    seguo il tuo blog con molta attenzione, lo trovo utile e con articoli estremamente interessanti.
    Leggevo dell’hosting e mi chiedevo se puoi darmi delucidazioni sul seguente problema:
    Abbiamo come hosting XLogic e stiamo valutando il passaggio a Siteground, il sito è ottimizzato, però ci troviamo davanti questa anomalia (foto allegate). Sull’affidabilissimo Pingdom il risultato è eccellente, sul servizio offerto da Google però il risultato è davvero pessimo! Il tempo di risposta del server è maggiore addirittura di 5 secondi.
    Cosa ne pensi? Secondo te è il caso di migrare su un altro hosting visto i risultati attuali o può essere un problema del servizio google?
    Siamo esperti del settore anche noi, ma un opinione affidabile e autorevole è sempre un’ottima cosa ;)
    Grazie anticipatamente.

    • Ciao Roberto,
      ti rispondo io visto che questo dubbio tempo fa lo avevo anch’io.
      La differenza tra Pingdom Tools e Google Page Insight sta nel fatto che il primo ha come metro di misura esclusivamente il tempo di caricamento del sito, mentre Google va un po’ oltre.
      Page Insight analizza moltissimi aspetti della struttura della pagina confrontandoli con le “best practices” dello sviluppo web…
      I parametri presi in considerazione sono anche un parametro che Google usa per valutare il valore di un sito e sono ad esempio la minimizzazione dei css e javascript, il basso peso delle immagini, il caricamento asincrono dei contenuti “Above the Fold”e molte altre cose ancora.
      Ecco spiegato il motivo per cui un sito può essere velocissimo e prendere un buon punteggio con Pingdom ma avere un voto basso per Google.

  • Angès Angeli

    Io ho recentemente utilizzato il pacchetto hosting wordpress di hosting99, con loro mi ci trovo bene e sono anni che li scelgo, ma fino a poco fa ho sempre avuto esigenza solo di hosting per joomla, ma recentemente un mio cliente ha chiesto lo sviluppo di un blog wordpress. Qualcuno ha esperienza con hosting99 per wordpress? Con gli altri pacchetti mi hanno sempre fornito buona assistenza e un buon servizi

  • Giuseppe

    ma siamo sicuri che siteground sia la scelta giusta? Sitegound ha sede societaria a Panama e non ha nemmeno un indirizzo postale a cui “scrivere” in caso di problemi, io non affiderei MAI ne la mia utenza business ne tantomeno personale ad una azienda con un assetto societario al quanto dubbio.

    Esistono molte realta’, italiane, molto migliori di siteground e che sicuramente, essendo in italia, vi daranno piu’ garanzie che di un hosting con fatturazione dubbia.

    Credo che realta’ come siteground andrebbero boicottate in italia, difatti i prezzi sono tax-free (e nemmeno tanto economici) proprio per il loro assetto societario.

  • carlinojr

    beh, senza voler mettere in discussione la validità del servizio hosting siteground, per correttezza, dovresti dire ai lettori del tuo blog che anche tu percepisci delle commissioni per parlare bene di siteground, ti pare!

  • Emma

    Ciao Dario!
    ho scoperto il tuo interessantissimo blog l’altro ieri e lo sto ”divorando” complimenti è fatto molto bene e gli argomenti che tratti sono utilissimi. Premetto che non sono assolutamente un’esperta del settore, quindi non so se la mia domanda/curisità è stupida: poniamo il caso di avere un blog o sito in doppia lingua (ingles e italiano) in quanto il target di lettori può essere sia l’italia che l’estero. Anche in questo caso la migliore scelta di host rimane la scelta da te suggerita? come consiglieresti di muoversi in questo caso?
    Grazie mille! :)

  • Ciao Dario, ho letto il post ma ho visto che è del 2013. Io sono utente di Bluehost dal 2013 e diciamo che per un periodo mi hanno dato parecchi grattacapi (i server erano down in continuazine). Ora tutto bene, ma mi chiedo se Siteground sia ancora la scelta migliore ad oggi per migrare il mio blog. Me lo consigli ancora?

  • Giuseppe

    “E’ assolutamente vero, ma la cosa grandiosa è che Siteground permette di hostare il proprio sito web su server europei.”

    Ciao Dario! Come faccio a hostarlo su server europei? C’è una procedura particolare che devo fare o lo fa in automatico?

    • Tutto in automatico :-)

      Il giorno gio 25 giu 2015 alle ore 20:32 Disqus ha scritto:

  • Qui si parla bene di questi provider di servizi hosting, ma in altri luoghi se ne parla male. Questo è assolutamente normale perché sul web prima o poi trovi cattive recensioni di tutti. Secondo me l’unico modo per scegliere un buon servizio hosting è ponderarne le caratteristiche del server sulle reali necessità del sito web in termini di sicurezza e solidità. In questo senso occorrerebbe “aprire” il pacchetto e vedere cosa c’è realmente dentro. Da qui nasce la tranquillità che il server non vada in downtime al primo picco di traffico. Un acquisto fatto con parsimonia in questo senso prevede che ci sia un minimo di cognizione di causa. In sostanza va bene fidarsi, ma spesso affidarsi completamente è diabolico.

  • Due fili d’erba • the blog

    Ciao Dario! Grazie mille di tutte le info preziosissime che ci dai, sempre al momento giusto! Anche noi stiamo per migrare su Siteground, ma come dobbiamo fare nel caso fossimo sotto un hosting gratuito italiano al momento e quindi non avessimo un dominio nostro? C’è la possibilità di creare un dominio su Siteground per poi migrare il proprio sito dal vecchio hosting a lì?
    Grazie mille!

  • una Domanda stupida Dario, ovviamente non é possibile avere un indirizzo PEC avendo acquistato il dominio su siteground?

  • Crystal Alexis

    Articolo veramente interessante, l’ho letto tutto d’un fiato anche se ammetto di non aver compreso proprio tutto (non sono per niente pratica con gli oggetti elettronici, si ho 20 anni) credo che mi farò aiutare da un mio amico sperando che il mio blog abbia successo. Grazie per i tuoi sforzi, so cosa ci vuole per scrivere nel dettaglio tutti questi articoli, quindi complimenti e continua così =)

  • Isabella

    ciao dario, ti sto seguendo da un po’ ma solamente ora ho iniziato a leggerti attentamente perche sto iniziando a scrivere il mio blog. Avevo gia’ scelto l’host ..indovina… ebbene si bluehost consigliato da molti bloggers .. non ti so dire se mi trovo bene o no perche’ sono ancora alla scelta del tema… figurati.. e’ da una settimana che sto sfogliando temi e sono tutti bellissimi e non mi so decidere….anche perche’ non ho capito bene come si fa a capire che flessibilita’ hanno nel cambiare colori font e altri aspetti… va comunque e’ un altro argomento.. intanto continuo a leggerti .. chissa’ che non trovi qualcosa sull’argomento prima di farti domande…per quanto riguarda il cambio di host mi hai tentato veramente ma per approfittare della promozione ho gia pagato bluehost per due anni… sono ottimista sulla riuscita del mio blog :) .. ora vedo se riesco a ottenere il rimborso se cambio.. va be intanto volevo presentarmi… anche perche’ nel marasma di internet ho bisogno di un punto fermo perche’ se no mi perdo e non concludo niente… e tu sei stato il prescelto ( haahah non sarei troppo contento se fossi in te… sono davvero pesantissima !! )ciao e grazie per ora…

  • Davide Sforza

    Ciao Dario, potrei chiederti un’informazione?
    ho appena trasferito i miei siti su siteground ma aruba non mi dà la possibilità di cambiare il dns per reindirizzarlo su siteground, Ho il codice di sblocco ma non so cosa farmene… Siteground mi chiede di cambiare il dns e poi se voglio di trasferire il dominio, se facessi il contrario ossia trasferissi prima il dominio e poi dal pannello di Siteground reindirizzassi il dns sarebbe uguale? Ops! mi sono risposto da solo?

    • Certo che puoi :-) segui i video tutorial che trovi in fondo al post :-)
      Il giorno gio 1 ott 2015 alle 22:37 Disqus ha scritto:

  • Saverio Butera

    Ciao Dario, ho seguito la tua guida per siteground, ho installato wordpress ma non riesco ad accedere al pannello di controllo e inoltre mi da un errore:
    La connessione non è privata

    Gli autori di un attacco potrebbero cercare di rubare le tue informazioni (ad esempio password, messaggi o dati della carta di credito)

    cosa posso fare?
    spero in un tuo aiuto…. grazie e buon lavoro

  • Sev7n

    Siteground ha grossi problemi di Limit Size Memory altro che miglior hosting. Lo stesso tema che gira perfettamente sul mio hosting su Siteground manco lo carica…

  • laura_sooner

    Ciao Dario. Io ho da poco iniziato un blog di viaggi con wordpress. Come potrai immaginare ho moltissime foto che vorrei pubblicare, ma dopo pochi post ho già l’11% dello spazio occupato. Passare ad un hosting mi aumenta la quantità di spazio disponibile? Hai dei consigli su come ridurre lo spazio occupato? Come faccio a sapere dove andranno i miei dati con un host? Voglio dire con wordpress mi sento un pochino tutelata anche per il grande nome che porta. Poi io sono una super novellina in questo e sto ancora cercando di capire come si naviga in questa rete senza farsi mangiare :) Grazie comunque per tutti i tuoi consigli!

  • Luca

    Ciao Dario,
    anche io sarei stufo dell’assistenza di alcuni hosting made in italy ma non pensi che avere un indirizzo ip e datacenter olandese possa in qualche modo essere valutata non positivamente da Google, rispetto ai tuoi concorrenti tutti con IP italiano…

  • Arianna

    ciao,
    ho comprato un dominio su aruba ed ha l’opzione di redirect, ora per installare wordpress cosa devo fare? comprare l’hosting di siteground e come collego il dominio aruba? grazie

  • Questo è indubbiamente il tuo post più letto, Dario.
    Complimenti per il tuo impegno. Continua così.

  • Raffaele

    Salve, ho trovato questo blog molto interessante ed innanzitutto faccio il miei complimenti all’autore. Ho una società che sviluppa siti web ed applicativi, volevo contribuire con la mia esperienza ed i miei pareri riguardo al servizio SiteGround. Ho acquistato profili shared GoGeek (il che fornisce più opzioni/risorse su server shared) per diversi clienti da circa 3/6 mesi ed il servizio effettivamente è molto performante in termini di velocità di caricamento ed assistenza tecnica. Tuttavia voglio far notare alcuni problemi (a mio parere abbastanza seri) nel servizio offerto. Abbiamo inserito su uno degli account un sito “leggermente” più serio, piattaforma wordpress di un azienda che effettua periodicamente campagne ADV sul circuito di ItaliaOnLine, In neanche 2 ore con una media di circa 100 visitatori contemporanei si sono esaurite le risorse del server disponibili per la nostra tipologia di account (utilizzando anche tutti i sistemi di cache ed il CloudFlare messi a disposizione). Tutto questo per dire che il tallone d’Achille del servizio sembra essere la limitazione sulle risorse di calcolo (CPU time ed esecuzione account) posta dal sistema (8000 esecuzioni ogni 120 min e 40000 giornaliere). E ricordate che sto parlando del profilo SHARED più performante dei tre messi a disposizione. Allo stesso modo se sull’account inserite 10 domini ed ognuno ha circa 10 visitatori contemporanei, avrete lo stesso problema. Quindi: o usate Siteground per domini di privati o piccole realtà con poche visite e SW/CMS che impiegano poco le risorse della pagina, o sarete costretti a passare a (molto costosi) server di livello superiore (a partire da circa 200 EUR al mese). La morale della favola è che una ditta seria dovrebbe utilizzare con cautela questo servizio calcolando bene questi imprevisti (non vi auguro mai di trovarvi in una situazione dove il vostro cliente ha speso 15000 euro per una campagna ADV che agisce in poche ore, ed in quel momento il vostro server di hosting crolla), dopo provate a spiegarglielo. Un saluto a tutti!

  • Ciao Dario,
    anche io ho siteground, e volevo chiederti se è possibile usare un SSL per la creazione di https gratis.

    Ho notato che siteground permette l’SSL (https) ma è a pagamento, viso che su interent ho visto che è possibile creare un https anche gratuitamente… ho cercato nel cPanel ma non ho trovato nulla… :-(

  • Davide

    Ciao Dario!
    articolo davvero molto interessante!
    è da circa un anno che sto pensando di passare anche io su SiteGround. ho solo una piccola domanda al quale non riesco a trovare una risposta.
    io attualmente sono su Aruba, ed all’interno del mio dominio ho anche una mail certicifcata(PEC), che mi serve per la partita IVA. visto che da quel che ho capito, la PEC è solo una cosa italiana, passando a SiteGround la perderei giusto?
    hai un’idea su come fare?

    grazie mille

  • Alberto

    Ciao Dario, trovo i tuoi consigli veramente d’aiuto e per questo ti volevo ringraziare come prima cosa. Poi volevo chiederti se avevi già scritto qualcosa, o se comunque potevi aiutarmi, in una domanda che mi preme ma che non riesco a capire se sia possibile. E’ possibile trasferire il proprio domino esistente su un altro provider a siteground? Praticamente ha già un sito non fatto con wordpress su un altro hosting, ora si potrebbe portare a siteground e fare il sito con wordpress restando sempre lo stesso dominio??
    Grazie in anticipo =)

  • Su Siteground ho 14 siti tutti in wordpress, ma proprio in questi giorni me ne . sto andando, dopo 2 settimane intense di contatti non si riesce a risolvere il problema. Ho tutti i sito pieni di malware. 2 settimane fa anche google me li aveva bloccati come siti pericolosi, capirete che dramma. Quelli di Siteground non mi avevano comunicato nulla, me ne sono accorto io, mi faccio fare da loro una scansione e mi identificano i file js corrotti. Faccio come dicono loro per 2 giorni di seguito cambio le password, scarico tutti i siti in locale li passo e ripasso con svariati anti malwer anche a pagamento, li pulisco tutti. reinstallo le ultime versioni di wp, plugin e temi. Rimetto sul server, rifaccio fare la scansione : tutto pulito, chiedo a Google di rivalutare i siti, cosa che mi fa dopo un attento esame in un paio di giorni, i siti sono puliti e funzionanti. Dopo 4-5 giorni di nuovo punto e d’accapo. rifaccio la stessa trafila (cambio password, ecc. ecc.) ripuliti di nuovo tutti.

    Oggi è la terza volta, e non ne posso più, devono avere qualcosa di sicuro loro, anche perchè ho visto che è capitato ad altri clienti su Siteground. Adesso basta non ne posso più, non mi era mai successo questo prima, cabierò di nuovo. pazienza.

  • Marco Russo

    Io ho provato l’hosting di SupportHost e mi trovo bene, hanno server veloci e rispondono ai miei ticket anche in pochi minuti.

  • Laura Zanetti

    Ciao, da ignorante, faccio una domanda…conoscete Flazio? E che differenza esiste tra Flazio e WordPress? Se ho detto una bestemmia, perdonatemi!!! Un abbraccio!

  • Alice Bertoni

    Ciao,
    sto facendo il grande passo e aprendo un blog sul design e il riciclo creativo. Volevo però inserire anche una piccola parte di e-shop. Quale pacchetto mi consigli di acquistare? Va comunque bene quello base o meglio altro? Inoltre consigli di inserire le opzioni Domain privacy e Hackalert monitoring?
    Grazie
    Alice

  • Emanuela

    Ciao Dario, hai convinto anche me a passare a Siteground ma non avrei dovuto. Appena apro la prima fattura vedo che Siteground ha sede a Panama. Pessima cosa. Innanzitutto mi ritrovo ad avere migrato la mia attività che reputo seria su un hosting che ha sede in un Paese che si trova in Black List. Scoprirlo solo nel momento del pagamento mi pare scorretto da parte di chi offre questo hosting, in nessuna parte del sito è riportata la vera sede della società. E allora mi vengono grossi dubbi sulla stabilità che possa offrire questo hosting. Panama crea ditte offshore ANONIME, ne consegue che oltre a non sapere mai chi è il signor siteground, può anche accadere che in seguito a periodi di instabilità finanziaria dell’hosting, possano anche dare disservizi, e a chi andiamo a fare causa o a chiedere rimborsi???!! Al signor nessuno? Per non parlare del fatto che pagando a loro il servizio andiamo a riempire le tasche di un paese che favorisce queste società offshore. mentre noi siamo obbligato a comunicare allo stato spendendo pure 30 euro ogni n mesi per comunicare che abbiamo acquistato all’estero, da panama…ma se questa è na roba seria, allora io fatico a capirvi.

  • Buonissimo articolo, peccato che non dici chiaramente che per ogni acquisto su Siteground che venda da questa pagina, tu prendi una provvigione anche interessante pecuniariamente parlando.

    Ovviamente non vedo menzione di casi di utenti infelici, come potrei dimostrare io che normalmente assisto clienti che scelgono di andarsene per uno o l’altro motivo.

    Un po’ di trasparenza non guasta, dire che Siteground è il miglior Hosting per WordPress è alquanto ridicolo.

    • Lorenzo Gnesutta

      ciao Marco….io ad esempio ho avuto una pessima esperienza con siteground e l’ho appena scritta qui nei commenti….però prima di attaccare Dario sentiamo cosa risponde….anche perché al di là dell’affiliazione, ho letto tantissimi commenti positivi su siteground….attendiamo

    • Io invece mi trovo bene. Mai avuto problemi. Boh….

  • Lorenzo Gnesutta

    Ciao Dario….io ho avuto una pessima esperienza con Siteground e non capisco perché dal momento che leggo solo persone entusiaste. In sostanza mi continuavano a mandare mail in cui mi chiedevano sempre più soldi perché dicevano che avevo esaurito il mio limite mensile di 300000 CPU seconds….sono scappato per disperazione…ho sbagliato qualcosa?

    • Christian

      E’ successo anche a noi con un altro host ed un piano da 80€ annuale, su server condiviso, una o due settimane dopo essercisi trasferiti sopra da uno spazio gratuito.
      Il nostro era un sito amatoriale ed autogestito senza un programmatore professionista ma autodidatta di medio livello.
      il nostro support disse che era colpa del nostro sito.

      Accostandoci ad un futuro programmatore (un amico in università, più ferrato di noi) che diede un’occhiata ci disse che c’erano porzioni di codice del sito (scritto in PHP) che tramite piccoli errori creatisi (non ricordo tutta la spiegazione tecnica) davano vita a loop e ridondanze. In sostanza continuavano a ripetere le stesse istruzioni all’infinito senza arrivare mai al punto, consumando risorse su risorse fino a finirle.
      A questo punto il sito ci è stato disattivato per 48h, per dar tempo a noi di sistemare e a loro di smetterla di consumare fette di risorse e i limiti massimi di consumo abbassati drasticamente.

      Il sito viene messo down perché nessuna risorsa server è infinita anche quando dicono “illimitata”, lo sono se tutto funziona bene perché il limite è talmente alto che è virtualmente molto difficile da toccare: però se accade vuol dire che se il server è l’intero e ogni account che c’è sopra è una fetta, se io mangio tutta la mia e non mi fermo, finirò a mangiare anche quella degli altri e non va bene.
      Quindi mi mettono la museruola o riducono la fetta che posso consumare da intera a mezza o un terzo, prima che il mio sito danneggi tutti.

      Chiedere soldi è la risposta, ovvero consigliare piani maggiori perché loro non sanno se ciò che sta accadendo è normale traffico (quindi hai un sito TROPPO grosso rispetto al piano che hai comprato) o se ci sono errori di loop come quelli che dicevo su. Se non chiedi di indagare al support o ad un professionista di fiducia, per loro hai comprato una scatola troppo stretta e se vuoi rimanere lì devi acquistare risorse in più per forza.

      Giusto per inciso: noi consumammo le risorse di un mese in pochissime ore a causa di questi errori, poi corretti.

    • avevi installato un plugin di cache ?

      • Lorenzo Gnesutta

  • Mi hanno parlato bene di siteground e sono arrivato in questo sito web dove vedo molte conferme. Farò volentieri una prova per il mio blog.

  • Alessandro Baroni

    Buongiorno Dario. Dopo aver letto e riletto quanto tu e altri blogger avete recensito in merito a WordPress, Siteground e, in ultima, a Optimizepress, ho deciso i convertirmi pure io, appunto, a WordPress per “ripubblicare il mio blog! (realizzato su piattaforma Webnode… Ottima, ma un po’ limitativa… Ora mi sento pronto per WP). Complimenti per come scrivi gli articoli… Forti e chiari!! Grande…

  • Ciao Dario! Al momento per hosting wordpress performante io sono su Tophost (versione Topweb+) te lo consiglio, ha anche un buon sistema di affiliazione!

  • Ciao Dario, noi siamo su Xlogic Hosting e ci stiamo trovando davvero bene! Lo consigliamo vivamente! Prezzo conveniente, sito web performante ed assistenza professionale e competente! Provare per credere!

  • Pingback: Inbound Marketing: guida per principianti()

  • mapetitehome

    Ciao Dario, grazie per il tutorial chiarissimo. Sono arrivata alla fase 2 senza problemi, ma adesso non vedo il blog :-(

  • Pingback: Il miglior hosting provider italiano a basso costo: la mia recensione()

  • Giuseppe Borrelli

    Ciao Dario,complimenti per il tutorial,fatto davvero bene come ogni tuo guida.
    Volevo sapere se ci fossero siti che mi desse la possibilità di avere comunque la sezione script,senza magari pagare la versione Business (wordpress) a 25,00 euro al mese

  • Elena

    Ciao Dario, grazie al tuo entusiasmo mi sono decisa a passare da Aruba a Siteground. Ma la cosa non è così semplice come l’hai descritta… Siteground ha trasferito il sito ma mi ha chiesto di modificare il file hosts per mio conto (ho seguito le istruzioni ma per me, che non sono molto tecnica, è stato molto complicato e non so se ci sono riuscita) e in più mi hanno chiesto di puntare il mio vecchio sito ai loro server modificando i DNS. Anche questa procedura per me è ignota, ho chiesto ad Aruba i farlo, spero in bene.
    In più mi dicono che se voglio traferire il domain name server su sitegorund devo pagare un servizio a parte. Tutto questo mi sta facendo impazzire, spero di uscirne viva. In ogni caso, cosa significa quest’ultima richiesta? Mi consigli di effettuarla?
    Grazie mille

  • francesco

    Ciao dario ti ringrazio dei tuoi articoli veramente interessanti. Io ho un problema grandissimo ho netsons come hosting, acquistando un template su evanto. Il problema che con 10 plugin netsons dice che si riempie la cpu e tra l altro senza averlo ancora indicizzato, tu magari sei un rivenditore di questo hosting ma quest problemi sono risolti se uno fa l ennesimo cambio?

Share This